La macchina incredibile che cambia la strada

zipper

Secondo voi che azione sta svolgendo questa macchina? Sembra incredibile – ma è tutto vero – questa macchina sposta il guardrail centrale della carreggiata, facendo così in modo che una corsia diventi più larga e l’altra più stretta. Un sistema per aiutare a far defluire il traffico.

Ci troviamo negli Stati Uniti e la macchina in questione si chiama Road Zipper System ed è in grado in maniera completamente autonoma ed indipendente di spostare la barriera mobile di separazione della carreggiata qunado è necessario (per un incidente o per il traffico) ridistribuire il numero di corsie per senso di marcia.

La barriera mobile, che sembra quasi una zip – da cui il nome zipper – è composta da segmenti di cemento armato uniti l’uno agli altri. Lo Zipper avanzando solleva i componenti e li sistema sulla corsia desiderata. In poco tempo riesce a concludere il lavoro senza mettere a repentaglio la sicurezza degli operai stradali e permettendo di far scorrere velocemente il traffico. Oltre a far diminuire il consumo di carburante e il rischio di incidenti stradali.

Nel video si vede in azione il Road Zipper sul Golden Gate Bridge di San Francisco: in meno di mezzora il camioncino giallo ha risistemato la barriera e consentito di modificare l’afflusso del traffico. Un sistema che sarebbe meraviglioso importare!

 

 

 

Previous articleTragica valanga in Val Pusteria: diversi sciatori sepolti
Next articlePerito Moreno: lo spettacolare crollo del ghiacciaio – FOTO e VIDEO
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.