Da che parte va il bus? L’indovinello facile per i bambini e non per gli adulti

bus

L’indovinello lanciato dal National Geographic ha conquistato il popolo del web, ma lo ha anche messo in crisi. E già perché rispondere alla domanda ‘da che parte va il bus?‘ è decisamente complicato a prima vista.

Non per tutti, però. A quanto pare i bambini che si sono trovati davanti a questo rompicapo non hanno avuto grossi dubbi sulla risposta, mentre gli adulti hanno cercato affannosamente e spesso senza riuscirci una soluzione.

Perché questa discrepanza? Perché i bambini ragionano sulla loro esperienza e non si perdono a cercare segnali di qualsiasi altro tipo che indichino la risposta. Ovvero i bambini pensano ai bus che prendono spesso e a dove si trovi l’entrata. E proprio qui è la soluzione dell’enigma. Nel disegno la porta non si vede e quindi è nel lato opposto, di conseguenza si può concludere senza errore che la direzione del pullman è verso sinistra.

A volte la risposta giusta è più semplice di quanto non sembri. E se volete tastare ancora la vostra intelligenza un semplice rompicapo virale sul web vi dirà se siete dei geni o no: quanto fa 7-6? Provate qui!

 

Previous articleLe 5 città mozzafiato e meno conosciute da visitare
Next articleTerremoto a Taiwan: si temono molti morti – FOTO
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.