Home News Meteo, Natale con i fiocchi come nel 1985

Meteo, Natale con i fiocchi come nel 1985

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:37
CONDIVIDI
 Giovanni Marino/AFP/Getty Images
Giovanni Marino/AFP/Getty Images

Da diversi giorni ormai le previsioni meteo vanno ribadendo che il tempo cambierà e in qualche modo il caldo di questi giorni, il clima così mite e assai poco invernale lo ripagheremo tutto a suon di gelo. Insomma, il tempo cambierà proprio ed in virtù del caldo anomalo di questo periodo.

Gli esperti danno un nome a questo fenomeno lo chiamano strat warming  ossia un riscaldamento eccessivo della stratosfera terreste che porta ad un freddo intenso e nevicate abbondanti. Questo fenomeno potrebbe accadere, se tutto va come i modelli di studio prevedono, proprio intorno ai giorni di Natale e o in prossimità della fine dell’anno.

Un po’ per fascinazione, un po’ per delle effettive somiglianze, gli esperti de ilmeteo.it ricordano che quello che sta avvenendo in questo inverno 2015-16 avvenne esattamente nell’inverno di 30 anni fa, quello del 1985. Anche allora come adesso si creò un surriscaldamento anomalo che portò poi ad un freddo estremamente intenso, da record.

Quell’anno infatti le temperature andarono a picco: -40 gradi sulle Alpi, -23 a Firenze e neve abbondante in tutta Italia, con cumuli do 50 cm a Roma e nella Pianura Padana.

Dire ora se effettivamente si ripeterà lo stesso scenario è quanto mai difficile, ma appare piuttosto certo che la svolta meteo arriverà durante le feste. Una discesa artica sull’Italia che farà crollare le temperature con abbondanti nevicate. Tante come nel 1985? Staremo a vedere!

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe 10 città da visitare nel 2016 – FOTO
Articolo successivoLe mete più pericolose e da evitare
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.