Stati Uniti, compito di matematica: 5×3=5+5+5=15. E’ sbagliato!

5

La correzione di un compito di matematica di terza elementare è finita sul web aizzando discussioni a non finire. Già perché a quanto pare la matematica è un’opinione. O almeno così sembra leggendo quanto è successo in questa scuola negli Stati Uniti.

L’insegnante dà ai suoi alunni un esercizio nel quale chiede di risolvere delle moltiplicazioni e poi scomporle in addizioni. Ad esempio 2×2=4, che risolta in addizione è 2+2=4.

La moltiplicazione 5×3= 15, viene riscritta dall’alunno in 5+5+5=15, ma l’insegnante lo corregge. La soluzione, quella giusta, è 3+3+3+3+3=15. Vi sembra una follia? Forse. Per la proprietà commutativa il risultato è lo stesso e le due tipologie di addizione equivalenti, ma per il Common Core, l’organizzazione statunitense che detta gli standard per ogni materia di insegnamento, le due addizioni non sono equivalenti e la ragione ce l’ha l’insegnante.

Già perché a quanto pare 5 x 3 significa dare 5 volte il valore 3, ovvero il primo numero indica le volte per cui deve essere addizionato il secondo numero. Il Common Core ritiene infatti che questa modalità di lettura consentirà di comprendere meglio la matematica più complessa che i ragazzi si troveranno poi ad affrontare.

In Italia quando alle elementari imparavamo le tabelline il ragionamento non era proprio di questo tipo. E 5 x 3 significava 3 volte il numero 5.  Sofismi forse eccessivi quelli del Common Core Statunitense e magari quel bambino si meritava lo stesso un buon voto.

 

Previous articleCapodanno 2016: a Reykjavik, le migliori offerte
Next articleTop 5: le piscine invernali più sexy – FOTO
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.