Home Curiosità Viaggi | Italiani all’estero: a sopresa niente spaghetti

Viaggi | Italiani all’estero: a sopresa niente spaghetti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:55
CONDIVIDI

VIAGGI ITALIANI ALL’ESTERO SONDAGGIO / ROMA – Pizza, pasta e caffè. Quando gli italiani sono all’estero sono questi i piatti più rimpianti. D’altrone è difficile bere un buon espresso in una caffetteria austriaca o mangiare degli spaghetti al dente e conditi ad arte in un ristorante similitaliano di Pechino. Eppure nonostante la nostalgia per la nostra goduriosa cucina, gli italiani sono i turisti più sperimentatori in campo gastronomico. Lo rivela un’indagine di Hotels.com secondo il quale 9 italiani su 10 quando sono in vacanza all’estero provano la cucina locale. Addirittura circa la metà degli intervistati considera la ricerca di ristoranti tipici una delle principali attrative del viaggio. Chi ama di più i viaggi culinari sono però gli orientali (giapponesi e coreani su tutti). In ogni modo gli italiani amano più di chiunque altro provare le pietanze locali: il 97% a fronte della media complessiva dell’87%. Insomma non siamo poi così campanilisti come spesso noi stessi ci dipingiamo. Anche se un la mancanza di un buon espresso dopo una moussaka o un sushi si fa sempre sentire.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTurismo | Sconti negli alberghi a febbraio
Articolo successivoStati Uniti | Rafforzate misure di sicurezza alla dogana
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.