Home Destinazioni e Guide turistiche Europa Voli | Caos nei cieli d’Europa: sciopero in Spagna e gelo al...

Voli | Caos nei cieli d’Europa: sciopero in Spagna e gelo al Nord

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:24
CONDIVIDI

VOLI SPAGNA COAS ITALIA AEREI SCIOPERO / MADRID (Spagna) – E’ caos nei cieli d’Europa. Lo sciopero dei controllori di voli e il gelo artico hanno bloccato gli scali del Continente lasciando a terra migliaia di passeggeri. In Spagna ieri sera a sorpresa i controllori di volo hanno incrociato le braccia: Iberia ha annunciato di aver cancellato tutti i voli. Le autorità hanno minacciato di arrestare chi non si presenterà sul posto di lavoro, ma l’astensione prosegue. Sciopera anche la Finnair: la compagnia finlandese ha annunciato la cancellazione di 119 voli. A creare ulteriore  caos ci si è messo anche il maltempo. In Inghilterra l’ondata di gelo, proveniente dalla Siberia, ha costretto alla chiusura lo scalo di Gatwick. Cancellazioni e ritardi anche in Francia allo Charles de Gaulle dove oggi, a causa del maltempo, fra le 9-16 saranno ridotti i voli del 20%. Disagi poi anche all’aeroportp di Schiphol di Amsterdam, Tegel di Berlino e negli scali di Edinburgo e Vienna.

ITALIA –  Gravi le riercussioni in Italia. L’Alitalia ha cancellato tutti i voli della mattinata da e per la Spagna ed in attesa di vedere come si evolve la situazione ha lasciato i previsti sei voli del pomeriggio e della sera. Anche Air France, KLM, Easy Jet, Ryanair, Thai Airways, hanno cancellato tutti i loro voli. Intanto al Leonardo da Vinci di Fiumicino sono stati presi d’assalto, con lunghe file, i desk di Iberia e Vueling.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSagre| Marche: Dicembre al profumo di Tartufo
Articolo successivoSpagna | Riaperto lo spazio aereo: si torna a volare
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.