Home Eventi Arte | Van Gogh, Genio e Sregolatezza a Roma

Arte | Van Gogh, Genio e Sregolatezza a Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:43
CONDIVIDI
van gogh

Genio e sregolatezza al Vittoriano di Roma. Il famoso complesso museale romano ospita da venerdì 8 ottobre 2010 fino al 6 febbraio 2011 la mostra dedicata ad un grande artista olandese, Vincent Van Gogh. La retrospettiva su questo grande e tormentato pittore torna a Roma dopo ventidue anni di attesa e promette un riscontro di presenze da record, pari o superiore a quello registrato in primavera dalla mostra di Cravaggio alle Scuderie del Quirinale. La mostra dal titolo “Vincent Van Gogh: Campagna senza tempo e città moderna” è stata curata da Cornelia Homburg, una tra le massime esperte del genio olandese, che ha anticipato: “Van Gogh ci mostra la “sua” campagna, dove non sembra ancora arrivata la rivoluzione industriale, i sobborghi cittadini, in cui antico e moderno si fondono”. Saranno presenti 70 quadri dell’artista provenienti da alcuni dei principali musei del mondo, tra cui: “I piantatori di patate” (Von der Heydt-Museum), i bellissimi disegni di contadine chine al lavoro (Kröller-Muller Stifting), “Il viadotto” (Guggenheim Museum), “Gli Orti a Montmartre” (Van Gogh Museum), e i due celeberrimi autoritratti (Van Gogh Museum). Ad affiancare le opere di Van Gogh ci saranno inoltre trenta dipinti dei contemporanei Gauguin, Cezanne, Pissarro, Millet.
Orario: Dal Lunedì al Giovedì 9.30-19.30-Venerdì e Sabato: 9.30-23.30-Domenica: 9.30-20.30
Prezzo biglietto: € 10
G.P.

CONDIVIDI
Articolo precedenteOfferte | Vienna o Berlino? Risparmia con Air Berlin
Articolo successivoArte | Leonardo e MIchelangelo, il Rinascimento in 5 città d’Italia
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.