La spiaggia caraibica d’Italia raggiungibile in autobus

E’ una delle spiagge più belle della Sicilia. Si trova ad appena 10 km dalla città di Siracusa e la si raggiunge in autobus

Quando ci si immagina una spiaggia da cartolina, di quelle con il mare cristallino e la sabbia dorata, si crede sia sperduta in qualche atollo dell’Oceano. Se non è dall’altra parte del mondo, magari in Italia, si crede allorache per arrivarci bisogna impegnarsi in faticosi trekking o avere la possibilità di prendere una barca. Invece in Sicilia c’è una spiaggia bellissima e facilissima da raggiungere.

Ci troviamo in provincia di Siracusa dove si trovano alcune delle spiagge più belle della Sicilia e d’Italia. E ce n’è una in particolare che è spettacolare non solo per la sua bellezza, ma anche per la sua comodità. E’ la spiaggia dell’Arenella e ci si arriva dal centro di Siracusa con i mezzi pubblici. Un autobus davvero per il paradiso in terra.

La spiaggia dell’Arenella: tutto ciò che desideri, a un passo dalla città

Chi vive in una città di mare non sarà sorpreso di poter prendere un autobus dal centro città per la spiaggia. E chi vive in centri affacciati su un mare da sogno come ad esempio Cagliari e con la sua spettacolare spiaggia del Poetto, sarà ancora meno sorpreso. Ma per tutti gli altri una spiaggia da sogno a due passi da una città fa il suo effetto.

La zona della spiaggia dell’Arenella è particolarmente amata non solo dai turisti, ma anche dai Siracusani stessi. Qui, infatti, molti di loro hanno costruito delle villette che fanno loro da seconde case. Gli anziani del luogo sono soliti ripetere “U megghiu mari è chiuddu ra Renedda“, che significa che il mare migliore è quello dell’Arenella. Di chi fidarsi più che di loro?

La spiaggia è facilmente raggiungibile sia con la macchina che con l’autobus 23, che effettua 10 corse al giorno nei giorni feriali e 4 in quelli festivi, ma sempre coprendo tutta la giornata. Inoltre, dal centro di Siracusa, ad esempio dal piazzale vicino al Teatro Greco, partono dei taxi con tariffa fissa 25 euro: magari non la soluzione più economica per raggiungere l’Arenella, ma sicuramente molto comoda e da tenere presente se ad esempio si vuole andare in un giorno festivo e i propri orari non sono compatibili con quelli del bus.

Scesi dall’autobus proprio a due passi dal mare, all’Arenella si può scegliere tra 3 opzioni: sulla sinistra si trova un solarium, al centro una spiaggia attrezzata con tanto di bar, servizi, ombrelloni e sdraio, e sulla destra una spiaggia libera. Essendo tanto facile da raggiungere, tutte e tre le soluzioni sono spesso piuttosto affollate, soprattutto durante il weekend, ma il mare limpido qui è una garanzia, e la presenza del lido attrezzato garantisce l’accessibilità davvero a tutti.

Il mare all’Arenella: uno scenario da sogno

Forse in Sicilia si trovano anche delle zone dove il mare è ancora più trasparente, dobbiamo ammetterlo, ma sono anche molto più difficili da raggiungere senza auto. L’Arenella, invece, è un’ottima soluzione per un mare limpido e spettacolare raggiungibile da tutti quanti.

Qui il mare è popolato da vivaci pesciolini, l’acqua non è troppo fredda e il fondale si fa più profondo in modo estremamente graduale: perfetto per i nuotatori poco esperti e per i bambini. Inoltre, a destra rispetto alla spiaggia libera c’è un piccolo promontorio roccioso. Da qui partono una serie di calette, fino a Punta Asparano, dove il mare è ancora più trasparente.

Dunque, se cercate una città con spiaggia stupenda e comoda da raggiungere pensate a Siracusa. Non ci sono davvero motivi per non farvi una gita alla spiaggia caraibica raggiungibile in autobus: l’Arenella.

 

 

Previous article40 giorni dopo l’incidente Vic torna a casa: la guarigione è stato un viaggio intorno al mondo
Next articleL’incredibile Castello da Mille e una notte è in Italia
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.