Sta per arrivare il primo hotel nello spazio, ecco quando

La novità da conoscere: sta per arrivare il primo hotel nello spazio, ecco quando. Tutte le informazioni utili.

Soggiornare nello spazio è un sogno che diventerà realtà tra pochi anni. Una prospettiva incredibilmente affascinante che aprirà definitivamente le porte al turismo spaziale.

primo hotel spazio
Sta per arrivare il primo hotel nello spazio, ecco quando (Adobe Stock)

Dormire in un hotel che orbita intorno alla Terra, galleggiando nello spazio con vista da lasciare senza fiato sul nostro Sistema Solare. Come nel film 2001 Odissea nello Spazio.

Un’immagine da fantascienza che presto diventerà realtà, con il primo hotel nello spazio, ospitato all’interno di in una stazione orbitante. Ecco quando si verificherà questo scenario così affascinante.

Sta per arrivare il primo hotel nello spazio, ecco quando

Inizialmente saranno per pochi fortunati, ma non è detto che in futuro i viaggi e i soggiorni nello spazio non siano disponibili per un numero più ampio di persone, senza bisogno di essere miliardari.

Già nel 2025 dovrebbe essere disponibile il primo hotel nello spazio, all’interno di una stazione orbitante intorno alla Terra. Non solo gli astronauti professionisti sulla Stazione Spaziale Internazionale, potranno volare in orbita intorno alla Terra anche i civili, i primi veri turisti spaziali, coloro che dormiranno nello spazio, ammirando una vista incredibile sul nostro pianeta, sulla Luna, le stelle e agli altri pianeti del nostro Sistema Solare.

Il progetto è curato da Orbital Assembly, una società che sta lavorando alla realizzazione di stazioni spaziali che ospiteranno alloggi turistici e uffici. Un vero e proprio business park nello spazio, dove soggiornare e lavorare.

Come riporta TTG Italia, la società ha in programma di lanciare la prima stazione spaziale, Pioneer, entro il 2025. All’interno della struttura potranno soggiornare 28 persone, che avranno a disposizione, oltre al primo hotel spaziale, anche degli uffici.

In seguito, una seconda stazione, Voyager, dovrebbe entrare in orbita nel 2027. Questa sarà molto più grande, potendo ospitare fino a 400 persone.

In entrambe le stazioni spaziali saranno presenti anche dei laboratori di ricerca. L’obiettivo principale di Orbital Assembly, tuttavia, è quello di offrire dei luoghi nello spazio per gli affari e il turismo.

La grande novità, e la differenza rispetto alla Stazione Spaziale Internazionale, è che queste strutture saranno dotate di gravità per rendere il soggiorno più agevole e piacevole e soprattutto contrastare i problemi fisici che l’assenza di gravità può causare nei lunghi soggiorni nello spazio.

Per altre informazioni e curiosità: orbitalassembly.com

Dormire da turisti nello spazio

Che ne pensate della imminente possibilità di soggiornare come turisti nello spazio? Non più a bordo di navicelle o stazioni orbitanti usate per la ricerca e l’esplorazione spaziale, riservate a pochissimi, ma in strutture appositamente pensate per il turismo.

Indubbiamente, si tratta di un’opportunità incredibile solo pochi anni fa e che aprirà nuove e impensabili prospettive al mondo dei viaggi.

primo hotel spazio
Spazio, Terra (Adobe Stock)