L’isola di Iona e la leggenda della sirena che voleva un’anima

La leggenda della sirena che pregava per avere un’anima, vive sull’Isola di Iona con le pietre chiamate “lacrime della sirena”.

Se state cercando una meta magica per una vacanza, l’isola di Iona, in Scozia, è ciò che fa per voi. Questa destinazione è ricca di fascino, ma soprattutto qui si cela la leggenda di una sirena e di un monaco.

Il monastero dell'Isola di Iona in Scozia
Isola di Iona

Una storia magica, come tutte le leggende, che ci permette però di scoprire una piccolissima isola scozzese ricca di fascino che potrebbe diventare la nostra prossima meta per le vacanze.

Dove si trova l’isola di Iona e perché è famosa

Appartenente alle Ebridi Interne, in Scozia, l’isola di Iona è piccolissima. Larga 1,6 km e lung 5,6 ospita oggi 175 persone. Ma il personaggio più famoso di questa meta è San Columba, un monaco, che qui venne esiliato e fondò un monastero con 12 compagni. Da qui iniziò la sua conversione al Cristianesimo della Scozia. Con il tempo divenne meta di pellegrinaggio anche perché svariati Re di Scozia, Norvegia e Irlanda chiesero di essere sepolti qui.

Cosa vedere?

Tra i luoghi più famosi che dovete assolutamente visitare c’è il Monastero di Iona, l’antico cimitero il Reilig Odhràin con la cappella omonima. Dovete poi ricordare che qui la natura la fa da padrona e quindi le più belle attrazioni sono tutte naturali.

La leggenda delle Lacrime di Sirena sull’isola di Iona

Ma qual è la leggenda dell’Isola di Iona e della Sirena? Poiché questa destinazione divenne la culla del cristianesimo, le leggende dedicate alle conversioni dei pagani sono moltissime.

Si narra quindi che una sirena si rivolse al monaco di Iona. La creatura per conquistarsi l’anima doveva rinunciare al mare e vivere sulla terra ferma, ma per lei era impossibile. La sua infelicità quindi era eterna. Secondo le leggende però la sirena ogni giorno iniziò a recarsi sull’isola di Iona, dal monaco Columba, per pregare insieme Dio affinché le concedesse la tanto agognata anima. Alla fine però la sirena non riuscì a rinunciare al mare e le sue lacrime per il fallimento si tramutarono in roccia. Ancora oggi, le pietre verdi lungo la costa dell’isola di Iona si chiamano infatti “lacrime di sirena“.

sirena sott'acqua al buio
La leggenda della sirena che voleva l’anima

Lasciatevi incantare

La leggenda della sirena dell’Isola di Iona è sorprendente, triste, ma anche molto affascinante. Per questo visitare questa destinazione diventa non solo l’occasione per un viaggio, ma per un’esperienza a 360°.