Tutti i ponti 2022/23 per andare in vacanza: quest’anno fino a 10 giorni

Quali sono i giorni di vacanza, i ponti che si possono fare nel nuovo anno con pochi giorni di ferie o nessuno

Per qualcuno le vacanze sono già finite, qualcun’altro sta vivendo ora gli ultimi giorni di ferie, qualun’altro ancora deve andarci. Ma in ogni caso ormai si guarda – con mestizia – a settembre e a tutte le attività che inevitabilmente ricominciano. Superato il Ferragosto infatti la sensazione è che l’estate abbia ormai girato l’angolo e l’autunno incomba.

Ecco quando si può andare in vacanza: tutti i ponti

L’estate potrà anche finire, ma le vacanze no! Staccare la spina per qualche giorno è infatti essenziale per poter stare bene e il modo migliore per affrontare un anno di lavoro. E la buona notizia è che il calendario 2022/23 offre il modo di organizzare dei ponti. Le giornate festive cadono infatti in maniera strategica.

I ponti per il 2022/23: quando si può andare in vacanza

Che bella invenzione i ponti! Un giorno di festa nazionale che cade a ridosso del weekend e oplà basta un giorno di ferie per ottenere una vacanza di 4 giorni! Tutto però dipende dalla generosità del calendario e quest’anno non va troppo male.

Si sa che quando le vacanze estive finiscono è dura: a settembre e ottobre non ci sono infatti feste nazionali. La prima festa che si incontra è a novembre. Il 1 novembre è la festa di Tutti i Santi e quest’anno cade di martedì, il che significa che prendendo il 31 ottobre di ferie si può partire da venerdì 28 e farsi 4 giorni di vacanza. Il periodo ideale per andare a visitare una capitale europea e festeggiare Halloween, andare a vedere il foliage o a fare un giro fra cantine per assaggiare vini.

Dopo di che arriva il mese più scintillante: dicembre. Il primo ponte è quello dell’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata concezione. Sorridete perché cade di giovedì e con un solo giorno di ferie (venerdì 9) ecco qua un lungo ponte. Questo è un periodo incantevole per andare a vedere le città vestite a festa per Natale, andare a vedere i mercatini o farsi qualche giorno sulla neve. Ancora più contenti saranno i milanesi: la Festa di Sant’Ambrogio è il 7 dunque 5 giorni di vacanza assicurati!

Arrivano poi le vacanze di Natale. Quest’anno però Natale cade di domenica, regalandoci dunque solo il sorriso di una settimana corta con Santo Stefano che è un lunedì. Non abbattetevi però perché le belle notizia sono nel 2023. Non con Capodanno che è domenica ma con l’Epifania che è venerdì. Ciò significa che si torna a lavoro il 9 gennaio.

Poi si deve tirare la cinghia fino a Pasqua che cade quest’anno il 9 aprile. Arriva poi il 25 aprile, Festa della Liberazione, che è un martedì. Non male: con lunedì 24 di ferie 4 giorni di vacanza per la prima fuga al mare o una gita di primavera nei borghi.

Subito dopo ecco il primo maggio, Festa dei Lavoratori: cade di lunedì. Niente ponte, ma almeno un lungo weekend. E se si hanno qualche giorno di ferie da spendere si può costruire una vacanza dal 21 aprile al 2 maggio.

E poi eccoci all’ultima festa nazionale prima dell’estate, la Festa della Repubblica del 2 giugno. Cade di venerdì il che ci permette di organizzarci un lungo weekend. Il primo mare dell’estate 2023.

Insomma le vacanze estive potranno anche finire, ma il calendario 2022/23 ci offre l’occasione per organizzare dei ponti nuovi viaggi. Il modo migliore per non soffrire troppo per la fine delle ferie.

Previous articleMeteo, a sorpresa torna il caldo africano: temperature roventi, quanto dura
Next articleGiardini di Tivoli: uno dei luoghi più magici di tutta Europa
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.