È deciso: l’Eurovision 2023 si farà nel Regno Unito

Le ultime notizie sul Paese che ospiterà l’Eurovision 2023: sarà il Regno Unito. Impossibile organizzare il concorso canoro in Ucraina a causa della guerra.

Era da tempo nell’aria: impossibile organizzare in Ucraina l’Eurovision 2023, nonostante la vittoria plebiscitaria della Kalush Orchestra, all’edizione del concorso canoro di quest’anno che si  svolto con grande successo a Torino. La guerra in corso rende impossibile pianificare l’Eurovision Song Contest, che richiede un anno di organizzazione.

eurovision 2023 regno unito
È deciso: l’Eurovision 2023 si farà nel Regno Unito (Nella foto l’Eurovision 2017 a Kyiv, Ievgen Skrypko – stock.adobe.com)

Il problema si era posto subito, all’indomani della straordinaria vittoria della Kalush Orchestra, che con la canzone Stefania aveva ottenuto il punteggio massimo nel televoto espresso dal pubblico. Con la guerra in corso, sembrava molto difficile se non impossibile prevedere di svolgere le semifinali e la finale dell’Eurovision 2023 in Ucraina, magari a Kiyv, come era stato già nel 2005 e nel 2017.

In alternativa, era emersa la scelta del Regno Unito come Paese ospitante dell’Eurovision Song Contest per il 2023. Una ipotesi a cui gli ucraini, in testa il presidente Zelensky, si erano opposti, decisi con orgoglio a voler organizzare il concorso canoro nel loro Paese per la terza volta.

Purtroppo, la guerra di invasione perpetrata dalla Russia di Putin contro l’Ucraina  ha deciso per loro. Non ci sono segnali tangibili della fine di un conflitto nel breve termine. Anche se le ostilità dovessero cessare alla fine di quest’anno o all’inizio del prossimo, una ipotesi molto ottimistica, il rischio è che non ci siano i tempi tecnici per organizzare un evento di tale portata. Senza contare le infrastrutture da ricostruire.

Alla fine, dunque, l’Ucraina è stata costretta a cedere l’organizzazione dell’Eurovision Song Contest 2023 a un altro Paese. Sarà proprio il Regno Unito ad ospitare la manifestazione. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

L’Eurovision 2023 si farà nel Regno Unito

Dopo l’edizione italiana dell’Eurovision 2022 che si è svolto a Torino, a seguito della vittoria dell’anno prima a Rotterdam dei Maneskin, nel 2023 il concorso canoro più amato d’Europa, e non solo, si svolgerà nel Regno Unito. Da decidere ancora la città ospitante.

Purtroppo, a causa della guerra in corso, ancora non si sa per quanto tempo, l’Ucraina non riuscirà ad organizzare l’Eurovision Song Contest 2023, come le spetterebbe di diritto a seguito della vittoria di una sua band, la Kalush Orchestra, all’edizione che si è tenuta lo scorso maggio a Torino. La situazione del Paese è troppo pericolosa e incerta. Alla fine gli stessi ucraini hanno dovuto rinunciarvi.

La scelta del Paese ospitante della manifestazione, al posto dell’Ucraina, è caduta sul Regno Unito non a caso. Si tratta, infatti, del Paese del secondo classificato al concorso, Sam Ryder, con la canzone Space Man. Come prevede il regolamento.

Non è stata ancora scelta la città ospitante. Molto probabilmente si terrà una gara tra le città candidate, come è stato lo scorso anno per l’Italia. Tra le città che si sono già proposte ci sono: Aberdeen, Belfast, Birmingham, Brighton, Bristol, Cardiff, Edimburgo, Glasgow, Manchester, Leeds, Liverpool, Londra, Newcastle, Nottingham, Sheffield, Swindon e Wolverhampton.

Nel frattempo, EBU – European Broadcasting Union, che organizza l’Eurovision, ha avviato i primi contatti con la BBC, l’emittente televisiva che trasmetterà la manifestazione.

Il Regno Unito aveva già ospitato l’Eurovision per otto edizioni in passato: Londra negli anni 1960, 1963 e 1968, poi Edimburgo nel 1972, Brighton nel 1974, ancora Londra nel 1977, Harrogate nel 1982 e Birmingham nel 1998.

La notizia sul portale ufficiale di Eurovision: eurovision.tv/story/united-kingdom-host-eurovision-song-contest-2023

eurovision 2023 regno unito
Kalush Orchestra, la band ucraina vincitrice dell’Eurovision 2022 (Foto: EBU/Sarah Louise Bennett)