Meteo, pazzesco dal super caldo all’autunno: quando finisce Caronte

Le previsioni meteo per i prossimi giorni. La data di quando finisce il caldo africano di questi giorni. Crollo delle temperature

L’Italia boccheggia per il gran caldo. Ovunque si registrano temperature elevatissime, ben oltre la media del periodo, con un’afa irrespirabile. Sono gli effetti di Caronte, così rinominato l’anticiclone africano che ha investito buona parte dell’Europa. E con il ventilatore puntato addosso e un piede in acqua per chi è al mare la domanda è sempre la stessa: quando finisce questo caldo insopportabile?

Le previsioni meteo per i prossimi giorni sono rassicuranti. Già perché finalmente l’Alta Pressione perderà progressivamente il suo dominio e le temperature scenderanno su valori decisamente più accettabili. Anzi, addirittura sembra che i termometri scenderanno perfino troppo in basso e arriveranno le piogge. Insomma, dall’estate all’autunno in pochi giorni!

Meteo, quando finisce il super caldo

Prima di vedere cosa succederà, ovvero questo incredibile contrappasso autunnale annunciato da più esperti nelle ultime ore, concentriamoci a scoprire quando finirà il caldo africano che sta rendendo rovente tutta Italia.

La buona notizia è che Caronte ha i giorni contati, ma bisognerà resistere all’ultima escalation bollente. Infatti fino a martedì 5 luglio le temperature continueranno ad essere molto elevate con picchi di 40 gradi al Sud – qualcosa in più su Sicilia e Sardegna – e sulle regioni centrali tirreniche. Ma non andrà meglio altrove: i termometri infatti toccheranno i 38 gradi sul resto del centro e i 36 in Val Padana. In più l’afa che aumenterà la sensazione di caldo.

Bollino rosso, ovvero allerta massima per le ondate di calore su 21 città su 27 monitorate dal Ministero della Salute con le restanti 6 con bollino arancione, ossia livello di rischio elevato. Tutta Italia dunque soffre per l’eccezionale ondata di caldo proveniente dal Sub Sahara. Ma la prossima settimana qualcosa finalmente cambierà.

Da mercoledì 6 luglio questa cappa infuocata inizierà a mostrare i primi segni di cedimento. All’orizzonte c’è l’Anticiclone delle Azzorre che punta verso il centro Nord-Europa, il suo movimento come un effetto domino innesca la discesa di aria fredda dalla Scandinavia.

L’Italia vedrà così dal 7 luglio Caronte fare le valigie e si potrà godere di un’indispensabile e piacevole aria fresca. Ma forse qualcosa in più, addirittura.

Dall’estate all’autunno: pazzo luglio 2022

Come dicevamo la prossima settimana non segnerà solo l’attesa dipartita di Caronte, ma perfino l’arrivo di una corrente d’aria dal sapore autunnale. Avremo infatti un vero e proprio break dall’estate con un crollo termico molto importante.

Giovedì 7 luglio le temperature scenderanno sensibilmente grazie all’aria fresca proveniente dal Nord Europa, e lo scontro con l’aria calda ancora presente provocherà temporali prima sulle regioni settentrionali e poi su quelle adriatiche fino in Puglia. Le massime saranno sotto i 30 gradi e in alcune zone perfino sotto i 25 gradi!

A questo shock termico farà seguito poi un nuovo quadro climatico in cui l’Anticiclone delle Azzorre potrebbe conquistare il dominio del Mediterraneo. E per noi sarebbe una splendida notizia perché significherebbe un proseguo del mese di luglio caldo, ma senza eccessi. E non solo. Ci sarebbero perfino infiltrazioni di aria fresca con piovaschi pomeridiani.

Insomma da quella che sembrava dovesse essere l’estate più calda di sempre, potremmo ritrovarci in un’estate piacevole.

Previous articleTop 5: le spiagge più belle del Portogallo
Next articleIl posto più fresco dove scappare a due passi da Roma
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.