I 5 luoghi irresistibili dove andare per fare trekking in Italia

Camminare si sa fa bene e non solo per la propria salute, ma soprattutto per la mente. É per questo che negli ultimi anni viene sempre più praticato il trekking.

I luoghi più belli dove fare trekking in Italia

L’Italia ha posti bellissimi dove poter fare trekking. Paesaggi incontaminati, percorsi magari a picco sul mare o lungo cime spettacolari. E poi ancora borghi da scoprire e spiagge segrete. C’è davvero tanto da vedere in Italia, da Nord a Sud.

Se avete voglia di camminare ci sono anche i Cammini che vi terranno impegnati diversi giorni se volete completarli o una giornata se volete coprire solo una tappa. Ma se volete immergervi nella natura ecco i luoghi più belli dove fare trekking in Italia.

  • La Marmolada tra Trentino Alto Adige e Veneto
  • La grande traversata del Biellese in Piemonte
  • I monti Sibillini tra Marche e Umbria
  • Il Golfo dei Poeti in Liguria
  • Madonie in Sicilia

Marmolada, la regina dei trekking in Italia

Il nostro orgoglio nel mondo sono ovviamente le Dolomiti ed è qui ovviamente che potrete fare alcuni dei trekking più belli d’Italia. Il luogo più spettacolare è la Marmolada che svetta con i suoi 3343 metri. Qui troverete percorsi anche molto impegnativi che vi porteranno a salire fino ai ghiacciai perenni. Ci sono anche trekking meno faticosi per le persone meno allenate. Ma vi basterà anche una semplice passeggiata per ammirare panorami spettacolari, una natura rigogliosa e animali in libertà.

cosa fare in corsica

Fare trekking in Piemonte: la grande traversata del Biellese

Una rete di sentieri per tutti i livelli si dipana nella zona del Biellese in un paesaggio di estrema bellezza. Un itinerario ad anello, con dislivelli fino a 1500 metri, e oltre 2mila km di percorsi. Si parte da Vermoglio e dirigetevi verso il Parco  della Bessa.

I Monti Sibillini tra Marche e Umbria

Sono fra i monti più affascinanti dell’Italia Centrale dove troverete anche un importante varietà di paesaggi. Il Parco dei Monti Sibillini offre numerosi sentieri di cui alcuni poco impegnativi. Ad esempio camminare sulla Piana di Castelluccio in Umbria non vi costerà fatica e vi consentirà di ammirare in estate un paesaggio colorato di estrema bellezza. Ma per chi ha voglia di inerpicarsi non mancano salite e vette di rilievo. Inoltre laghetti e piccoli borghi da scoprire rendono unico questo luogo.

Zaino leggero per trekking

Trekking fra mare e montagna in Liguria

Mettete mare e montagna e avrete fatto bingo. Scenari mozzafiato sono quelli che vedrete scegliendo un trekking nel golfo dei Poeti. Ci sono percorsi per tutti i livelli: da quelli che scendono verso spiagge nascoste a quelli che si inerpicano nell’interno verso borghi meno conosciuti a quelli che corrono lungo la cresta.

Trekking in Cilento

Quando si parla di Cilento si pensa al mare. Bene, ma non solo. Già perché in questo angolo della Campania potrete anche fare degli spendidi trekking. C’è il Monte Pollino e la catena dei Monti Alburni con splendidi percorsi nella natura. E poi ci sono proposte per trekking a cavallo, in mountain bike e perfino in canoa lungo i corsi d’acqua.

Camminare in Sicilia nel parco delle Madonie

La Sicilia è una regione che offre davvero tutto: dal mare, ai parchi archeologici, dai tesori artistici ai borghi, dalla neve sul vulcano ai trekking. Una delle zone più interessanti è quella di Castelbuono dove si trova il bellissimo Parco delle Madonie. Qui potrete percorrere sentieri immersi in una vegetazione lussureggiante a due passi da spiagge bianchissime.

Previous articleLunedì 28 marzo tutta Italia in zona bianca, finisce il sistema dei colori
Next articleGreen pass dal 1° aprile, ecco tutte le regole definitive
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.