I Massive Attack tornano a suonare in Italia: dove, quando e come prendere i biglietti

Un evento imperdibile, tre date da sogno del tour 2022 dei Massive Attack che, dopo tanti anni, tornano a suonare in Italia. 

Dove vedere i Massive Attack live in Italia
Date e location del tour in Italia dei Massive Attack – Adobe Stock

Tutti sentiamo nell’aria odore di primavera. Lo sappiamo, è ancora presto. Ma questo non ci vieta di sognare, anzi, di sperare che queste ore e questi giorni siano gli ultimi legati alla terribile pandemia da Coronavirus.

E così il mondo dei concerti e dei live è in fermento e ci stiamo muovendo tutti nell’ottica di tornare a godersi la meraviglia dei Festival Musicali, proprio come quelli che ospiteranno i Massive Attack in tour in Italia.

Dove e quando vedere live i Massive Attack in concerto

Ebbene si, i Massive Attack stanno per tornare live non solo nel mondo, ma anche in Italia. Nello specifico le date da segnarsi sul calendario sono il 21 giugno a Roma, alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica e il 22 giugno al Milano Summer Festival che si svolgerà all’Ippodromo Snai a San Siro. Ultima data il 24 giugno al Ferrara Summer Festival in piazza Trento e Trieste. Si tratta di un grande evento e di un appuntamento praticamente imperdibile per i fan della band perché Robert Del Naja e Grant Marshall non venivano in Italia dal 2019. Certo, la pandemia non ha aiutato, ma l’ultima comparsata in Italia risaliva alla celebrazione per i 20 anni di Mezzanine.

Quando acquistare i biglietti del tour

Per acquistare i biglietti per vedere in concerto i Massive Attack, giovedì 17 febbraio dovete collegarvi alle 11 del mattino sul sito Live Nation. Successivamente potrete acquistare il vostro posto per il live dei Massive Attack anche nelle altre piattaforme e nei punti vendita autorizzati.

Altro elemento incredibile di cui tener conto? Come riporta Rolling Stone, questo nuovo tour dei Massive Attack sarà un banco di prova per una serie di misure che dovrebbe rendere più green e sostenibile il mondo dei live e dei concerti.

Proprio i membri della band hanno commissionato uno studio in cui chiedevano di capire come migliorare questa realtà e, presentando i risultati, hanno spiegato che tutti devono partecipare alla difesa del clima e dell’ambiente.