I 3 posti meno conosciuti e più belli d’Italia

Abbiamo la fortuna di vivere in un Paese colmo di bellezze culturali e naturali: per scoprire i posti meno conosciuti, sei nel posto giusto.

Questi posti li conoscono in pochissimi
I posti meno conosciuti e più belli d’Italia. Credits Pixabay

L’Italia è un Paese meraviglioso e non lo affermiamo solamente per amor di patria, è una nazione che ha molto da offrire su diversi fronti. Se appena nominiamo il nostro bel paese le prime immagini che ci sovvengono solo le città d’arte più note, la bellezza della nostra terra non si esaurisce qui, c’è tanto altro da scoprire.
I luoghi di cui voglio parlarti non sono così popolari ma questo non vuol dire assolutamente nulla, è proprio questo il motivo per cui dovrebbero essere riscoperti.

I posti meno conosciuti che non puoi perderti

Senza nulla togliere alle città dell’arte, che sono da vedere e possono essere ritenute dei veri e propri punti di riferimento per gli appassionati di storia, cultura e viaggi.
Ma se siete intenzionati di visitare delle vere e proprie chicche del nostro bel paese, non dovete far altro che continuare a leggere e prendere nota.

Destinazioni poco conosciute in Italia
I posti meno conosciuti e più belli d’Italia. Credits Pixabay

Grotte di Frasassi, Marche

Queste grotte situate nella regione Marche, sono carsiche sotterranee e nello specifico si trovano nel comune di Genga, nella provincia di Ancona. Sono state scoperte solo nel 1971 grazie al Gruppo Speleologico Marchigiano CAI.
Al loro interno ci sono delle vere e proprie opere naturali che sono nate nel tempo, tramite stratificazioni calcaree. Di fatto sono formate da moltissimi ambienti sotterranei, uno per esempio è così ampio che ha un’estensione di 180×120 metri ed un’altezza di 200 metri. È consigliabile visitarle nel periodo estivo.

Rasiglia, Umbria

Spostiamoci di poco e arriviamo in Umbria, qui possiamo trovare un borgo piccolissimo prossimo a Foligno. La particolarità di questo luogo è il fatto che è composto da acqua sorgente che scorre nelle vie del centro. Proprio per questo è conosciuta anche come “Borgo dei ruscelli”, proprio grazie ala quantità di ruscelli e cascatelle.
La storia di questo piccolo borgo inizia proprio con la particolarità che la contraddistingue, tramite i suoi corsi d’acqua che nel tempo hanno dato vita a tanti opifici, gualchiere, mulini, lanifici e tintorie dove trattavano la fattura di stoffe di pregio.
Il tour del borgo non è impegnativo, tutt’altro: si fa in meno di un’ora. Ma è un posto ideale per fare una gita fuori porta e respirare un’atmosfera diversa e anche, per certi versi, remota.

Parco dei Mostri, Lazio

Noto anche come Sacro Bosco, questo parco pittoresco si trova a Bomarzo, in provincia di Viterbo. È un parco naturale con una caratteristica che si fa notare: la presenza di diverse statue che raffigurano animali mitologici, divinità e mostri di vario genere.
Ha un’estensione di 3 ettari, in una foresta di conifere e latifoglie. Per quanto riguarda le sculture, ecco alcune di quelle che potrete trovare nel parco: Sfingi, il Proteo, la Fontana di Pegaso ed Ercole e Caco.