L’80% dei rifiuti trovati in mare è plastica: i prodotti vietati che non troveremo più sul mercato

Arrivano novità nel mondo dell’utilizzo e del consumo della plastica: arrivano le nuove regole sul monouso. La lista dei prodotti vietati. 

Quali sono le novità per la plastica monouso
Inquinamento dei mari: nuove regole per la plastica – AdobeStock

Sarà capitato a tutti, passeggiando sulla spiaggia in inverno in estate, di imbattersi in dei rifiuti sulla sabbia o sul bagnasciuga. La maggior parte delle volte, neanche a dirlo, si tratta di plastica e infatti, secondo svariate ricerche e analisi, è emerso che il 50% dei rifiuti che si trovano in mare sono plastiche monouso e l’80% sono oggetti di plastica comune.

Una vera e propria tragedia perché più volte vi abbiamo raccontato di come le plastiche siano pericolosissime per l’ecosistema marino. E allora non possiamo che accoglie con entusiasmo il fatto che dal 14 gennaio 2022 siano entrate in vigore delle nuove leggi sulla plastica monouso che vietano alcuni prodotti proprio per ridurre l’inquinamento di mari e oceani.

I prodotti di plastica che sono vietati

Sul mercato italiano quindi diciamo finalmente addio ad alcuni oggetti realizzati in plastica monouso come:

  • piatti
  • posate
  • cannucce
  • agitatori per bevande
  • aste per palloncini
  • contenitori per cibi e bevande in polistirolo espanso
  • relativi tappi e coperchi

Oltre ai divieti poi, come riporta WWF Italia, sono state inserite delle nuove norme sulla riduzione del consumo per tazze e bicchieri con relativi tappi per gli alimenti che vengono consumati sul posto e che vengono portati via senza bisogno di ulteriori preparazioni.

Sarà importante poi anche perseguire tutti gli obiettivi relativi all’uso e consumo delle bottiglie di plastica sia nell’ottica di migliorare la raccolta differenziata, sia per la realizzazione delle stesse con materiale riciclato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da WWF Italia (@wwfitalia)

 

Inoltre nel Decreto si legge che verranno messi in pratica nuovi requisiti per l’etichettatura dove si dovranno informare i consumatori delle plastiche contenuti nel prodotto e le pratiche di smaltimento.