In Italia esiste un borgo pieno di murales: dove si trova

Passeggiare tra i vicoli e lasciarsi ammaliare da splendidi murales. E’ Cacciano  piccolo borgo nella frazione di Fabriano in provincia di Ancona

borgo murales cacciano
Uno dei murales nel borgo di Cacciano nelle Marche

Un borgo in cui passeggiare ammirando un susseguirsi di murales e opere en plen air. Uno dei borghi più particolari d’Italia, una preziosa testimonianza artistica immersa in una rigogliosa natura. Se cercate un borgo davvero particolare quello è Cacciano, il borgo dei murales.

Sono diversi gli artisti che, attraverso immagini, hanno infatti voluto raccontare un pezzo della loro vita, hanno scelto raffigurazioni evocative di vita quotidiana, di cibo e animali per impreziosire proprio il paesino di Cacciano.

Leggi anche -> Borghi più belli d’Italia: i nuovi 12 tutti da scoprire <<

Cacciano, il borgo dei murales: dove si trova e cosa vedere

Incredibile e affascinante, praticamente un museo a cielo aperto immerso nel verde Cacciano si trova a circa 10 km da Fabriano, una piccola realtà che, nel corso del tempo grazie all’impegno degli abitanti e al Circolo Fenalc si è trasformata in località di attrazione turistica.

Con queste rappresentazioni pittoriche si crea in tutto il paese una atmosfera suggestiva e affascinante. I soggetti trattati dai murales spesso rievocano scene popolari creando così un’immersione nella storia del borgo.

Tutto a Cacciano è nato nel 2007 con la “Sagra della Cultura” che ha dato il via, con una mostra internazionale, alla realizzazione dei murales, modalità pittorica nata a metà anni ’70, direttamente realizzati sulle pareti delle case come infatti dice il nome stesso.

Ad oggi, nella frazione di Fabriano, si possono contare circa 60 realizzazioni di diverse dimensioni tutte di artisti differenti tra cui si possono citare quelli più famosi come “La Creatrice” e “Zia Ita” di Federico Zanobi.

Detto anche “Paese dei murales artistici“ principalmente a tema agreste è popolato da 90 persone che vivono in questo borgo composto da piccole viuzze con case dalle mura semplici che ben si sono prestate ad accogliere i murales di artisti italiani ma non solo.
Usa, Inghilterra, Uzbekistan e altri paesi europei sono alcuni delle provenienze degli autori che si susseguono di anno in anno rinnovando e modificando il profilo del paese.

Un paesino che con i murales ha conosciuto una nuova vita e un borgo da vedere per ammirare il felice connubio di arte e natura.

A cura di Carlotta Cigliana

Previous articleLe 3 città più economiche e belle d’Europa dove andare quest’inverno
Next articleLe 5 mete più belle del Sud Italia in inverno
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.