Il luogo più da favola dell’inverno è a due passi da noi

I laghi di Plitvice in Croazia in inverno: uno dei posti più belli dove andare con la neve

laghi plitvice
I laghi Plitvice in inverno: uno spettacolo da vedere

La Natura riesce ad essere straordinaria in ogni stagione. In inverno con la neve e il gelo riesce a rendere quasi ogni luogo magico e fatato. E ce n’è uno in particolare che sembra uscito davvero da una favola. Si tratta di uno dei posti più belli d’Europa, uno di quei luoghi da vedere almeno una volta nella vita: i laghi di Plitvice in Croazia.

Se in inverno volete fuggire dalla gente che affolla i centri città o le piste da sci e volete riconnettervi con la natura in un luogo meraviglioso, immergendovi in uno scenario da favola, allora fate le valigie per il Parco Nazionale dei laghi di Plitvice.

I laghi di Plitvice, uno dei posti più belli d’Europa

Ma cosa hanno di così speciale i laghi di Plitvice in Croazia? Prendete dei fiumi, delle cascate, dei laghi, delle montagne e una natura lussureggiante, mescolate tutto insieme ed ecco a voi uno dei Parchi Nazionali più belli del mondo. Un luogo patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO che attira ogni anno milioni di visitatori.

Nel parco scorrono due fiumi, Bianco e Nero, che si riversano nel fiume Korana e sono collegati fra di loro da una serie di cascate e formano 16 laghi. La parte alta del Parco è quella più prettamente montana con foreste e cascate, mentre quella bassa è caratterizzata da laghetti e vegetazione più mediterranea.

Visitare il parco non è troppo impegnativo e si può scegliere il percorso: ce ne sono 8 e mediamente si impiegano 8 ore per vedere tutti i laghi. Ci sono poi le passerelle di legno a filo d’acqua che rendono davvero suggestivo camminare per il parco. Inoltre ci sono trenini e battelli elettrici all’interno che consentono di visitare il parco senza stancarsi troppo.

Vedere i laghi di Plitvice in inverno

Una meraviglia della natura come i laghi di Plitvice dà il suo meglio in primavera quando la natura dà il suo massimo. Fiori che sbocciano, alberi verdi e corsi d’acqua carichi. Eppure il periodo più suggestivo per vedere i laghi di Pltivice è in inverno.

Nella stagione fredda in questa zona della Croazia nevica spesso e i laghi e i fiumi del parco gelano. Lo spettacolo è dunque assicurato. Le cascate gelate, il bianco intenso della neve, creano un luogo che sa di favola. Fra dicembre e gennaio le temperature scendono sotto zero e nevica.

Il parco rimane aperto pure con la neve e in pieno inverno, sebbene alcuni percorsi siano limitati. Solo in caso di eccezionali nevicate, ma accade raramente, il parco chiude o chiude solo la parte alta. Solitamente potrete visitare il parco con tanto di visita guidata e anche con i battelli. Ovviamente l’orario di ingresso è ridotto e alcune zone del parco non sono accessibili.

Non dovreste incontrare problemi nemmeno nell’arrivare al parco. Il servizio bus da Spalato, Zara e Zagabria è infatti regolare anche nella stagione invernale e se vi muovete con la vostra auto le strade che portano a Plitvice sono spazzate dalla neve.

In inverno molti hotel del Parco chiudono, l’unico che rimane aperto è l’hotel Jezero. Potrete anche scegliere di alloggiare fuori dal Parco ad esempio a Rastovaca o a Smoljanac.

I laghi di Plitvice

Insomma, se indubbiamente in inverno con la neve qualche scomodità in più obbiettivamente c’è, la vista dei laghi Plitvice con la neve è uno degli scenari naturali più belli da vedere.

Previous articleNatale in Vaticano 2021: le celebrazioni con Papa Francesco
Next articleIl borgo natalizio più bello della Campania: Atrani
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.