Carnevale inizia il 26 dicembre: ecco perché

Carnevale inizia il 26 dicembre: ecco perché. Cosa bisogna sapere.

carnevale 26 dicembre
Carnevale inizia il 26 dicembre: ecco perché (Carnevale di Putignano. Adobe Stock)

C’è un Carnevale, tra i più antichi d’Italia, che inizia il 26 dicembre, il giorno di Santo Stefano, quando siamo ancora tutti presi dalle celebrazioni natalizie.

Si tratta del Carnevale di Putignano, in puglia, che ogni anno comincia proprio in questo giorno, secondo un’antichissima tradizione, collegata a Santo Stefano.

Leggi anche –> I 10 luoghi della Puglia da vedere assolutamente

Perché Carnevale inizia il 26 dicembre: la storia

Il Carnevale della città pugliese di Putignano risale al 1394 ed è uno dei più antichi d’Italia. Putignano si trova nella provincia di Bari, nel cuore della Murgia, e il suo Carnevale unisce antichi riti pagani a celebrazioni religiose.

Inizia il 26 dicembre, nel giorno di Santo Stefano, perché proprio in questo giorno furono traslate le spoglie del santo da Monopoli, dove erano custodite, alla chiesa di Santa Maria la Greca di Putignano. L’evento fu accolto dalla popolazione locale con una grande festa, conosciuta con il nome di Festa delle Propaggini.

Durante il passaggio del corteo che trasportava la salma di Santo Stefano attraversavo le campagne di Putignano, i contadini che erano al lavoro nei campi lasciarono tutto per salutare e festeggiare l’arrivo del santo. Celebrarono con canti, balli e la recita di versi satirici in vernacolo. Il nome Festa delle Propaggini viene dalla tecnica dell’innesto delle viti, detta della propaggine, a cui stavano lavorando i contadini di Putignano, al passaggio del santo.

Una celebrazione per metà pagana e metà religiosa da cui è nato ufficialmente il Carnevale di Putignano. Anche se, secondo alcuni studiosi le primissime origini del Carnevale di Putignano risalirebbero addirittura agli ultimi secoli a.C., al tempo in cui la città era una colonia della Magna Grecia ed erano frequenti i riti propiziatori verso il dio Dioniso. Poi il Medioevo avrebbe segnato il passaggio alla cristianizzazione.

La salma di Santo Stefano fu spostata a Putignano per sfuggire alle incursioni saracene che imperversavano sulla costa pugliese. Ancora oggi è conservata nella Santa Maria la Greca.

Ogni anno, ancora oggi, a Putignano si celebra il 26 dicembre la Festa delle Propaggini che apre ufficialmente il Carnevale. Segue poi la festa di Sant’Antonio Abate, il 17 gennaio. Quindi tra febbraio e marzo si svolgono le celebrazioni del Carnevale vero e proprio, con le sfilate dei cari allegorici ai quali svettano enormi sculture di cartapesta. Il Carnevale di Putignano è uno dei più importanti d’Italia e d’Europa.

Le date del Carnevale nel 2022 saranno molto spostate un avanti. Giovedì grasso sarà il 24 febbraio, mentre martedì grasso il 1° marzo. Mentre il 27 febbraio sarà la domenica di Carnevale, quella in cui di solito si svolgono le sfilate dei carri allegorici per le città, come a Putignano. Presto si conosceranno le date delle sfilate dei carri a Putignano.

carnevale di Putignano
Carnevale di Putignano