La Costa Viola ha le spiagge più belle d’Italia

Cos’è la Costa Viola, perché si chiama così, quali sono le spiagge più belle e come raggiungerle

costa viola spiagge
Il mare spettacolare della Costa Viola in Calabria. Quali sono le spiagge più belle

In Calabria, proprio davanti allo stretto di Messina, si trova un tratto di costa di 35 km denominato “Costa Viola”, che va da Capo Barbi alla rupe di Scilla. Qui la folla di turisti non è ancora arrivata, perciò venire in vacanza non costa molto e ci si può godere il mare senza eccessiva confusione intorno.

In questo tratto di costa troverete alcune delle spiagge più belle d’Italia, troverete borghi incantevoli e testimonianze storiche. Sarete inebriati dal profumo dei gigli di mare e dalla bellezza del mare. Ecco dunque cosa visitare in Costa Viola e quali sono le spiagge da vedere.

Perché si chiama Costa Viola

Il motivo per cui la Costa Viola si chiama così arriva dall’Antica Grecia, e da una descrizione che ne diede Platone nel lontano IV secolo a.C.:

Ogni cosa si tinge con le diverse tonalità del colore viola, dando vita ogni sera, con i suoi spettacolari riflessi, ad una visione sempre nuova.

Ci troviamo in un tratto costiero di estrema bellezza dove ammirare tramonti da sogno e godere delle bellezze naturali.

costa viola
Un tratto della Costa Viola

Le spiagge imperdibili della Costa Viola in Calabria

Le spiagge dove godersi un mare stupendo sulla Costa Viola sono davvero numerose, così come numerose sono le attrazioni turistiche culturali poco distanti dal mare. Noi di Viagginews.com abbiamo voluto fare una selezione di alcune delle spiagge più belle della zona per godersi un’acqua trasparente e, per gli sportivi, per fare immersioni e osservare tutte le specie di pesci che abitano quest’area. Ecco dunque i posti dove vi consigliamo di andare al mare lungo la Costa Viola:

  • Spiaggia delle Tonnare, Palmi. Famosa per lo “scoglio dell’ulivo”, questa spiaggia presenta una sabbia fine e fondali profondi, ed è famosa per la pesca del pesce spada. Questo posto deve il suo nome ad un’antica tonnara, sorta qui all’inizio del ‘900.
  • Caletta di Rovaglioso. Delimitata a Nord e a Sud da scogliere, questa spiaggia preserva tutta la sua bellezza grazie al volontariato dei cittadini, che negli anni hanno fondato un comitato e hanno fatto di tutto perché non venisse deturpata.
  • Cala Janculla. La spiaggia sabbiosa fa da contrappunto al Monte Sant’Elia, che invece scende a picco sul mare. Cala Janculla si trova al centro della Costa Viola, e ne è un po’ la perla. In prossimità di questa spiaggia si trovano alcune incantevoli grotte, come per esempio la Grotta delle Rondini.
  • Spiaggia di Taureana, Palmi. Nella zona Nord di Palmi, questa spiaggia è particolarmente nota per i ritrovamenti archeologici effettuati nei suoi pressi. Si trova proprio davanti allo scoglio dell’ulivo, dove vive un ulivo piegato dal vento.
  • Spiaggia di Porelli, Bagnara Calabra. Alternandosi agli scogli, la sabbia fine presente su questa spiaggia crea tante piccole spiaggette appartate, che conciliano il relax e aiutano a sentirsi lontani da tutti.

  • Cannitello. In questo punto, Calabria e Sicilia distano appena 3.2 km. Nel mare di Cannitello vivono ben 140 specie di pesci, anche grazie al fatto che lo stretto è una delle principali vie di migrazione per questi animali. Cannitello è dunque perfetta per le immersioni, ma attenzione: a causa della forte corrente che caratterizza questo posto, il consiglio è di effettuarle solo in presenza di guide esperte, per evitare di correre dei pericoli.
  • Marina Grande, Scilla. Qui si alternano spiagge libere e lidi balneari attrezzati, rendendo questo tratto di costa adatto davvero a tutti. Marina Grande è una delle spiagge più belle e bianche della Costa Viola: la vista è sullo Stretto di Messina, e in lontananza si intravede il profilo delle Isole Eolie. Va detto che questa è una delle spiagge più frequentate della zona, perciò non aspettatevi di trovarla completamente sgombra dai turisti. Tuttavia, anche quando affollata conserva il suo fascino e il suo splendore naturale, perciò non vi pentirete di averla scelta.

Come arrivare e le città dove alloggiare

I centri principali della Costa Viola sono PalmiBagnara Calabra e Scilla. In questi luoghi si trovano delle strutture turistiche come alberghi e campeggi dove poter alloggiare. Delle tre, sono Scilla e Bagnara Calabra quelle più attrezzate. Palmi, invece, è meno attrezzata, ma non per questo meno interessante: costituisce infatti il centro culturale più attivo della zona.

Per gli appassionati di sport, invece, la soluzione migliore è Cannitello-Villa San Giovanni, la Porta Calabrese sullo Stretto di Messina. Qui, infatti, è il posto perfetto per fare immersioni, data la grande varietà di ittifauna dovuta alle condizioni della temperatura e delle correnti del mare.

Per andare al mare sulla Costa Viola, conviene prendere un aereo fino all’aeroporto di Reggio Calabria. Qui la cosa migliore da fare è prendere una macchina a noleggio, per poi essere liberi di spostarsi e visitare ciò che si desidera anche se non è raggiunto dai trasporti pubblici. In alternativa all’aereo, potete anche arrivare in Calabria con il treno, per poi prendere l’automobile a noleggio. Qui trovate tutte le informazioni che dovete conoscere riguardanti i treni per arrivare in Calabria.

cosa visitare in costa viola
Gli spettacolari colori quando cala la sera su Scilla

La Costa Viola offre a chi la sceglie un mare spettacolare, una tranquillità rara e delle gite culturali uniche: non manca davvero niente. Se quello che cercate è una vacanza di mare per godervi del relax fuori dalla confusione, questo posto fa davvero al caso vostro.