Quando si può andare alle terme: la data di apertura e le regole

L’attesa è finalmente finita! Nell’ultimo decreto c’è anche la data di riapertura delle terme e degli stabilimenti termali

terme
Riapertura delle terme 2021. Fissata data e regole

Nel Decreto Riaperture sono state fissate le date in cui le attività chiuse per contenere la diffusione del coronavirus potranno riaprire. Fra queste anche gli stabilimenti termali. Si potrà tornare a farsi coccolare da acque solfuree. Ma quando? Bisognerà attendere l’estate 2021: la data di riapertura delle terme è fissata infatti al 1 luglio.

In quella data oltre alle piscine termali riapriranno anche quei servizi da centro benessere e termale come fangoterapia, idromassaggi, bagno turco, sauna, terapie idrotermali, massaggi. Insomma si potrà tornare a rilassarsi.

La data da segnare sul calendario per la riapertura delle terme è quindi i  1° luglio. Ma ciò potrà avvenire solo nelle regioni gialle. Dunque le spa e i centri benessere potranno ripartire solo se le condizioni lo consentiranno. E all’interno ovviamente bisognerà seguire un protocollo.

Leggi anche -> Le terme più belle d’Italia dove andare <<

Riapertura delle terme: prenotazioni e regole 

terme
Per andare alle terme bisognerà seguire delle regole

Con la speranza che per il 1 luglio tutta l’Italia sia in giallo, ovvero abbia una situazione epidemiologica sotto controllo, e quindi possa avvenire la riapertura delle terme, ci sono delle regole per accedere alle terme da sapere.

L’obiettivo è quello ovviamente di evitare la diffusione del virus e questo può avvenire distanziando le persone. Dunque accessi regolamentati, numero limitato di persone e poi particolare attenzione verrà posto agli spogliatoi e le aree comuni.

Regole per andare alle terme da luglio 2021

Il governo ha fornito le linee guida per accedere agli stabilimenti termali e le misure che i gestori dovranno adottare per permettere di accedere con sicurezza alle terme.

  • Gli stabilimenti termali regoleranno gli accessi con l’obbligo di prenotazione su fascia oraria. Questo farà sì che non potranno esserci più di un certo numero di persone all’interno dell’area e si eviteranno assembramenti all’esterno. Per quanto riguarda le terme libere come quelle di Saturnia, le più belle d’Italia, ci saranno ingressi contingentati con servizio d’ordine.
  • Si potrà accedere agli spogliatoi e ci si potrà fare la doccia. Ma le docce dovranno essere distanziate l’una dall’altra, così come gli armadietti. Verranno date apposite sacche usa e getta dove riporre i propri indumenti e queste poi andranno messe nell’armadietto.
  • All’ingresso delle terme dovrà essere rilevata la temperatura corporea e verrà impedito l’accesso a chi ha  più di 37, 5°
  • Massima attenzione contro gli affollamenti: ci saranno delle corsie di entrata e uscita e nelle aree comuni, incluse le saune o il bagno turco bisognerà stare ad un metro di distanza.
  • I visitatori dovranno igienizzarsi frequentemente le mani tramite gli appositi dispenser disseminati in tutte le aree strategiche della struttura. Potranno essere forniti teli per la seduta da utilizzare ad ogni utilizzo di spazi comuni come la sauna oppure questa dovrà essere igienizzata dopo ogni utilizzo.
  • All’ingresso i visitatori dovranno lasciare le proprie generalità, orario d’ingresso e di uscita, affinché la struttura possa mantenere l’elenco delle presenza per un periodo di circa due settimane.
  • La mascherina dovrà essere indossata sempre nelle aree comuni.

Regole che sembrano fare a pugno con il concetto di relax che le terme regalano, ma invece è proprio solo la certezza di essere in sicurezza che ci può far davvero rilassare.