Curiosità dal mondo: dove ruttare è buona educazione

Dove ruttare è buona educazione.

Non si rutta a tavola!“. Sin da piccoli ci hanno insegnato che ruttare non è buona educazione, al contrario è un gesto di cattivo gusto. E’ una regola condivisa da tutt’Europa, eppure in qualche Paese del mondo ruttare non è visto come un gesto disgustoso, ma come cortesia, è come dire all’ospite “era tutto meravigliosamente delizioso!

Barney dei Simpson, Fantozzi e il suo “rutto libero” e chi più ne ha più ne metta. Sono personaggi della fantasia che ci fanno ridere a crepapelle, ma a nessun europeo verrebbe mai la brillante idea di mettersi a ruttare a casa di ospiti. Eppure, c’è chi la pensa in maniera diversa.

Forse ti potrebbe interessare>> Top 5 stranezze dal mondo

Dove ruttare è un gesto di gratitudine

Eschimesi e parte degli asiatici non hanno alcun dubbio: ruttare è un gesto di buona educazione. I cinesi, si sa, sono molto orgogliosi e fieri delle proprie tradizioni e quando gradiscono un piatto, ruttano per complimentarsi con il cuoco.

Perché? Pare che all’epoca della Cina di Mao Zedong la pratica del rutto libero era ben voluta e gradita. Mao, del resto, idolatrava una società semplice e reputava finto il Bon Ton e le buone maniere.

Nessuno avrebbe potuto contraddire Mao Zedong, quindi i cinesi accettarono di gran lunga la tradizione del rutto libero.