Come consumare meno benzina: i trucchi geniali

I sistemi più semplici, ma efficaci per consumare meno carburante quando si guida anche in autostrada. Come risparmiare benzina in poche mosse

benzina
Come consumare meno benzina in autostrada, in viaggio, guidando

Viaggiare in auto è comodo, semplice e il più delle volte risulta essere il modo più economico, specie quando si possono suddividere le spese del carburante e dei pedaggi. Ma per farlo essere ancora più conveniente è opportuno conoscere quei trucchi che permettono di risparmiare benzina, ovvero consumare meno carburante anche quando si guida. Facendo infatti attenzione ad alcuni aspetti si possono risparmiare parecchie decine di euro.

Trucchi che vi torneranno utili se fate lunghi viaggi in auto, ma anche se utilizzate l’auto per muovervi in città. Tenete a mente che per gli spostamenti cittadini sarebbe meglio – per l’ambiente, per il portafoglio e per la vostra tenuta psicologica – optare per altri mezzi di trasporto: dai mezzi pubblici ai monopattini elettrici. Ma se all’auto non sapete proprio rinunciare, se avete necessità di uscire dalla città o se state partendo per un viaggio in auto ecco come risparmiare benzina.

Leggi anche -> Viaggi in auto: gli itinerari più belli in Italia <<

Risparmiare benzina: i trucchi prima di partire

Se volete risparmiare sul costo del carburante la prima questione da porvi riguarda la vostra auto. Più la macchina è vecchia più i consumi sono elevati e più l’auto inquina. Se ne avete la possibilità cambiate innanzitutto auto scegliendo magari un’ibrida, se non potete fare un passo del genere controllate spesso l’auto.

benzina
Per non trovarsi mai a secco: pochi consigli efficaci per risparmiare benzina

Risparmiare benzina: i trucchi prima di partire

  • controllare l’auto
  • dove fare rifornimento
  • fare il pieno
  • usare il self service
  • distribuire i pesi

Controllare l’auto

Fare manutenzione frequentemente alla propria auto significa evitare consumi inutili. Ogni 10 mila km va cambiato l’olio dei freni, va pulito il filtro dell’olio e dell’aria. Inoltre controllate spesso la pressione degli pneumatici e cambiateli regolarmente. Fate un check-up completo ogni 50 mila km.

Dove fare benzina

Altra attenzione da avere è sulla pompa di benzina. I prezzi variano, anche parecchio, da uno all’altro. Scegliete quello più economico, ma che non disti troppo dalla vostra abitazione. Ed evitate di fare benzina se non è ovviamente indispensabile in autostrada: il prezzo del carburante è sempre più alto.

Self service

Importante è fare benzina da soli. Il self service ha un costo molto più basso del servito. Scendere dall’auto e sgranchirvi le gambe, non puà che far bene alla salute e fa benissimo al portafoglio. Conviene inoltre fare il pieno ogni volta piuttosto che fermarsi a fare benzina a colpi di 10 e 20 euro. Alla fine spenderete di più e avrete perso più tempo.

Benzina in autostrada

Fate il pieno prima di partire e se potete evitate di fare rifornimento in autostrada. Il costo di un pieno in autostrada può costarvi anche il 30% in più. Ciò a causa di royalties e delle varie accise che fa aumentare prezzo della benzina in autostrada.

Distribuire i pesi

Viaggiare leggeri è un buon sistema per risparmiare. Un auto carica infatti peserà di più e di conseguenza consumerà di più. Inoltre dovrete sistemare i pesi in maniera omogenea ed equilibrata. Questo vale anche per i passeggeri: a destra e sinistra, nei sedili posteriori e anteriori il peso dovrebbe essere più o meno uguale. Meno stress per l’auto e meno consumo di benzina.

Leggi anche -> Viaggi in auto: occhio alle infradito <<

guidare
Consumare meno carburante guidando: i trucchi più efficaci

Risparmiare benzina guidando: i trucchi

Controllato il motore, caricata, la macchina e fatto il pieno, non resta che partire. Ma anche in viaggio si può risparmiare benzina guidando anche in autostrada. A patto che seguiate questi consigli. Ricordatevi inoltre di spegnere il motore nelle soste e anche quando – ahi voi – vi trovate bloccati in lunghe code.

  • Velocità costante
  • Andare piano
  • Non correre in salita
  • Usare la marcia giusta
  • Non cambiare marcia troppo tardi
  • Non mettere in folle
  • Finestrini chiusi
  • Niente condizionatore

Velocità costante

In autostrada, o comunque nei lunghi percorsi, si consuma meno che in città. Questo perché si guida sempre a una velocità costante, senza continue frenate, accelerazioni, cambi di direzione e di velocità. Utilizzare le marce basse e cambiarle spesso fa consumare più carburante. Sarebbe opportuno anche in città guidare più dolcemente e in maniera più uniforme, evitando di fare il GP per conquistare la pole position al semaforo.

Andare piano

Se è vero che le marce basse fanno consumare di più anche andare troppo veloci brucia più carburante. In autostrada ad esempio si consuma di più andando a 130 all’ora che a 115 e si consuma ancora meno benzina se si va a 100 km/h. L’ideale sarebbe andare a 80 km/h: una velocità adeguata che fa consumare poco, permette di essere costanti e garantisce sicurezza.

Non correre in salita

Andare forte fa consumare più benzina, andare forte in salita fa bruciare – inutilmente – più carburante. Correre in salita fa conquistare una manciata di secondi sulla tabella di marcia, ma fa consumare parecchi euro al portafoglio. L’ideale sarebbe andare costantemente anche in salita, affrontandola ad una marcia – in base alla pendenza – più alta possibile.

Non cambiare marcia troppo tardi

Mantenere una velocità costante significa anche cambiare marcia con dolcezza senza fare alzare troppo i giri del motore. Cambiare marcia all’ultimo vuol dire aumentare il consumo inutilmente. Le macchine di ultima generazione dicono quando è il momento di shiftare, l’orecchio del guidatore sente quando il motore chiede il cambio. Ecco, fatelo prima che il motore lo urli sprecando inutilmente fiato, ossia benzina.

Usare la marcia giusta

Con le marce alte si consuma meno, a patto che siano quelle giuste. La marcia giusta è quella che fa premere meno il piede sull’acceleratore, perché vuol dire che i giri sono già alti e non c’è bisogno di spingere ulteriormente.

Finestrini chiusi

Bello viaggiare con i capelli all’aria e sentire l’aria sulla faccia – quando fa caldo ovviamente – ma fa consumare di più. Infatti con i finestrini aperti si crea più resistenza e la macchina deve fare più forza, ovvero deve consumare di più. L’attrito dell’aria si crea ovviamente quando la velocità è elevata, se state andando a 40 all’ora potete tranquillamente stare con i finestrini abbassati e godervi la brezza.

Spegnere i condizionatori

Finestrini chiusi e condizionatori spenti. Un incubo impossibile quando fa caldo, ma se volete risparmiare rinfrescate la macchina prima di partire. L’aria condizionata consuma infatti molta energia e di conseguenza fa bruciare benzina. Per risparmiare è meglio utilizzarla al minimo.

Non mettere in folle

Si crede che mettere in folle mentre si fa una discesa aiuti a consumare meno benzina. Sbagliato! Benzina la si consuma comunque, in alcuni modelli d’auto perfino di più, e inoltre diminuisce la sicurezza in quanto il controllo della vettura è più difficoltoso.

 autostrada
Guidare in autostrada: si può risparmiare benzina

 

Previous articleMara Venier, una botta di vita: cosa ha fatto la conduttrice
Next articleFacebook down in tutto il mondo: cosa succede
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.