34enne madre di 7 figli muore nel sonno: “Era forte e sana”

Mamma di sette figli, 34 anni, Laura Hogg è morta improvvisamente nel sonno lasciando devastata e senza parole la sua famiglia: “Abbiamo il cuore spezzato”. 

Una mamma di sette bambini “in forma e sana” è morta improvvisamente nel sonno lasciando la sua famiglia con il cuore spezzato. La sera del 22 gennaio scorso Laura Hogg, 34 anni, è andata a letto e non si è più svegliata. Neppure l’autopsia ha potuto far luce sulle cause del decesso.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Violentissimo impatto

La vita di Laura Hogg spezzata all’improvviso nel sonno

La famiglia della giovane mamma deve ora attendere le risposte di un’inchiesta che non è stata ancora aperta. Laura era appena riuscita realizzare il suo sogno di diventare una consulente professionista e si era recentemente trasferita a Skegness, una cittadina di 18.910 abitanti della contea del Lincolnshire, in Inghilterra, per stare più vicina a sua madre. Sua cugina, Kayleigh Afzal, ha detto allo Staffordshire Live: “Era una persona così dolce, gentile, divertente e una mamma fantastica, adorava i suoi figli. Sono rimasta assolutamente sbalordita e con il cuore spezzato quando ho scoperto cosa era successo”.

Leggi anche –> Morto nel sonno, la madre lo trova senza vita a letto: aveva 11 anni – FOTO 

“Ho pensato subito a quei poveri ragazzi – dovevano essere in casa quando è successo – ha aggiunto la cugina di Laura Hogg -. Era una mamma a tempo pieno da quando aveva 17 anni, e aveva appena coronato il sogno di realizzarsi anche nel lavoro. Voleva dare ai sui figli una nuova prospettiva. Non ci è stato ancora detto nulla su come è morta e questo rende tutto ancora più difficile, soprattutto per i bambini”. E’ stata un’amica ad accorgersi che Laura non rispondeva: ha subito chiamato un’ambulanza, ma purtroppo era già troppo tardi. La tragedia è avvenuta quasi 25 anni dopo che la morte del padre di Laura, Russell, alla sua stessa età.

Leggi anche –> Muore nel sonno, la vita di Paolo finisce così a 17 anni

ospedale vuoto negazionista