Valerio Scanu racconta della morte del padre: “A mia madre non l’ho detto”

Valerio Scanu parla del padre, mancato lo scorso dicembre: il cantante confessa cosa lui e la zia hanno fatto pur di vederlo l’ultima volta.

In una commovente intervista a Storie Italiane, Valerio Scanu ha raccontato della reazione della sua famiglia alla morte del padre. L’uomo, infatti, è mancato lo scorso dicembre a causa del Covid: piangendo Scanu ha confessato come la zia abbia fatto di tutto pur di vedere la salma (cosa vietata proprio dal regolamento anti-contagio). “Mia zia è andata a ‘prendere’ mio padre, si è bardata fingendosi una di loro per almeno toccare il sacco, glielo doveva” ha raccontato il cantante (qui “loro” sono gli infermieri). “Mi ha detto che le veniva di aprire, di vedere. Sembra quasi che una mattina ti alzi e ti dicono che sia tutto uno scherzo”.

Cosa si fa pur di proteggere la famiglia

Sempre commosso, Scanu ha raccontato durante l’intervista di non aver dato subito la triste notizia alla madre: “quando è morto mio padre non ho avuto il coraggio di parlare con mia madre, me lo son tenuto sette ore dentro e ho chiamato mia zia, ho fatto fare a lei il lavoro sporco”.

Leggi anche -> Coronavirus 25 marzo: dati stabili, cosa è accaduto nelle ultime ore

Nonostante tutto, Valerio Scanu è grato ai dottori e agli infermieri che hanno fatto di tutto pur di salvare il padre. “Io li chiamo angeli, ho detto loro che stanno combattendo una guerra, e che quella di mio padre era stata una battaglia che poteva aiutarli per vincere la guerra” ha detto. Una volta finita la puntata di Storie Italiane, poi, il cantante ha parlato ai suoi fan scrivendo un lungo post su Instagram.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

“Da un anno a questa parte le nostre vite sono drasticamente cambiate…” scrive Scanu sotto ad una foto della sua intervista. “Ci sono persone che non potranno più riabbracciare i propri cari: padri, madri, figli, fratelli, cugini, zii, conoscenti, amici; persone che semplicemente hanno smesso di esistere tra noi e che lasciano vuoti incolmabili… Ed è per questo motivo che io continuerò la mia battaglia per come posso, raccontando quello che è accaduto a mio babbo, esortando ognuno di voi a rispettare le regole del distanziamento sociale, a portare la mascherina e a vaccinarvi, quando saremo tutti chiamati a farlo”.
Infine, l’uomo ha ringraziato la conduttrice di Storie Italiane per avergli permesso di parlare della sua situazione.

Valerio Scanu con accanto il padre Tonino.