Vaccini over 80: “Solo il 14,7% ha ricevuto le due dosi”

I vaccini anti Covid per gli over 80 non stanno andando come previsto. In pochissimi hanno ricevuto le due dosi.

Il progetto lanciato dal Ministero della Salute prevedeva di vaccinare tutti gli over 80 entro la fine di febbraio. Arrivati quasi alla fine di marzo, il numero dei vaccinati è molto più basso: solo il 14,7% di loro ha ricevuto entrambe le dosi.

Se il 14,7% degli over 80 ha ricevuto entrambe le dosi del vaccino contro il Covid, il 42,9% ne ha ricevuta almeno una. I dati sono stati forniti dal fondatore di Gimbe Nino Cartabellotta, che ha ribadito un concetto a lui molto caro: molte persone in Italia hanno ricevuto il vaccino prima di chi ne aveva realmente bisogno. La colpa di questa deficienza è da attribuire parzialmente ai ritardi nelle consegne da parte delle case farmaceutiche, ma non si può dar loro tutta la responsabilità.

LEGGI ANCHE -> Burioni, duro attacco social: “Da noi il lockdown, altrove i vaccini”

LEGGI ANCHE -> Vaccini, l’annuncio del ministro Speranza: “Al via anche nelle farmacie”

Vaccinazioni over 80 sempre più a rilento in Italia

Parte delle dosi disponibili sono finite a persone che non ne avevano diritto, mi riferisco a dipendenti amministrativi che non avevano contatti né con malati né col pubblico e che anche per l’età non avrebbero dovuto avere la precedenza“, così avverte Nino Cartabellotta. La media nazionale della somministrazione della prima dose ha andamenti diversi a seconda delle regioni. Tra le più efficienti, le due province autonome di Bolzano e Trento che, insieme alla Basilicata, sono oltre il 30%, la Campania e il Lazio di fermano al 22%.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Tra le regioni più in ritardo vi è la Sardegna, con il 2,8% di somministrazioni, la Toscana è al di sopra del 5%, mentre Calabria e Puglia sono rispettivamente tra il 7 e il 9%. Anche l’Abruzzo e la Lombardia sono poco al di sopra del 10%. La ministra degli Affari Regionali, Mariastella Gelmini, afferma che “circa 2 milioni di ultraottantenni hanno ricevuto almeno una dose. Vaccinare gli anziani e i fragili è una priorità assoluta, ma è più più semplice vaccinare gli operatori sanitari e le persone ricoverate nelle Rsa che un anziano di 80 anni“.