Meteo settimana 22 marzo: ancora freddo in Italia

Meteo della settimana dal 22 marzo: ancora freddo in Italia. Le previsioni del tempo.

meteo settimana 22 marzo italia
Meteo (Foto di Myriams-Fotos da Pixabay)

Continua l’ondata di freddo presente da qualche giorno sull’Italia. Anche l’inizio di questa nuova settimana, ormai a primavera cominciata, sarà caratterizzato da un clima piuttosto invernale.

Le correnti fredde provenienti dal Nord-Est Europa stanno portando temperature gelide, vento forte e neve a bassa quota. Le zone d’Italia più colpite dal maltempo sono le regioni adriatiche e il Sud. Più soleggiato al Nord ma con temperature frizzanti.

A metà settimana la situazione meteorologica dovrebbe migliorare, con la rimonta dell’alta pressione, favorita dall’anticiclone delle Azzorre. Il tempo, tuttavia, sarà ancora variabile, con probabili precipitazioni al Nord Italia. Di seguito le previsioni in dettaglio e l’evoluzione della situazione.

Leggi anche –> Covid, Regioni: la Sardegna da zona bianca ad arancione

Meteo settimana 22 marzo: le previsioni del tempo in Italia

Anche i primi giorni di questa nuova settimana saranno ancora caratterizzati da tempo instabile e soprattutto freddo invernale. La situazione meteorologica in Italia è determinata dall’afflusso di correnti fredde settentrionali che continuano a scendere sul Mediterraneo e sull’Italia. Come spiega 3bmeteo. Questo porta tempo instabile, con freddo e precipitazioni nevose anche a bassa quota. In particolare su alcune zone d’Italia.

In questo momento è attiva una depressione sui Balcani che condiziona il tempo sulle regioni adriatiche e al Sud Italia, soprattutto su Calabria e Sicilia, dove sono in atto piogge e nevicate a bassa quota. Il tempo, invece, è migliorato al Nord e sulle regioni tirreniche, anche se le temperature sono ancora rigide per la stagione.

Ad essere colpite più pesantemente dal maltempo sono le zone della Sicilia settentrionale e della Calabria meridionale. Sui tratti costieri le piogge e rovesci sono abbondanti, con accumuli tra i 20mm e i 30mm. Mentre la neve scende in Calabria già da quota 500 metri. Mentre sulle Sicilia la neve è caduta dagli 800-1000 metri. Nevicate abbondanti, anche a quote basse, sono scese sulla Basilicata.

I cieli, invece, sono soleggiati o velati sulle regioni settentrionali e su quelle del  medio-alto Tirreno. Le temperature minime, tuttavia, sono molto fredde, anche sotto lo zero, a causa dei cieli notturni limpidi e dell’arrivo del freddo dal Nord Europa. Nella pianura emiliana le minime sono arrivate anche a -5°, nella zona di Parma.

Leggi anche –> Cielo di marzo 2021: arriva la primavera. Stelle, pianeti e congiunzioni

Il metro di lunedì 22 marzo

La giornata di lunedì 22 marzo sarà caratterizzata da tempo soleggiato al Nord, sulla Toscana e sul Lazio settentrionale. L’unica eccezione sarà la presenza di alcune velature. Decisamente più variabile il tempo sul versante adriatico e sull’Appennino. Sono previste piogge locali tra Umbria, Marche, Abruzzo, fino alle zone interne del Lazio e alla Puglia. Nevicherà da quota 700-800 metri, in serata la quota neve scenderà fino a 400-600 metri.

Il maltempo insisterà al Sud, tra Calabria e Sicilia, con piogge e rovesci. Nevicherà dai 900-1000 metri in Sicilia e dai 700 metri sull’Appennino calabrese. I venti ancora tesi, con raffiche da Nord-Est su versante adriatico e vallate dell’Appennino. Le temperature scenderanno ancora al Sud, mentre avranno un lieve rialzo al Nord sull’alto Tirreno.

Previsioni per i giorni successivi

Il tempo inizierà a migliorare gradualmente sulle regioni adriatiche già dalla giornata di martedì 23 marzo, con gli ultimi residui di instabilità. Nella prima parte della giornata nubi con deboli precipitazioni sono attesi su Marche, Abruzzo, Molise e alta Puglia. Qualche variabilità è prevista anche sulle zone interne del Lazio e della Campania, dove sono attese deboli nevicate già da 200-400 metri di quota. A fine giornata, comunque sono previste schiarite.

Sarà ancora instabile, invece, su Calabria e Sicilia, con rovesci e temporali. Nevicherà da 600-800 metri di quota. Deboli nevicate sono attese anche sulla Basilicata, da 500-800 metri.

Maggiori schiarite sono previste al Nord e lungo il versante tirrenico, Calabria esclusa. Le temperature saranno ancora fredde per la media stagionale, mantenendosi stabili o addirittura in lieve calo. Possibili gelate al Centro-Nord. I venti soffieranno ancora tesi sul Centro Italia.

Nella giornata di mercoledì 24 marzo avremo finalmente il tanto atteso miglioramento delle condizioni meteo. Il tempo sarà stabile su gran parte del Centro-Nord, con cieli soleggiati. Solo sul versante adriatico sarà più variabile ma senza fenomeni. Sulla regioni meridionali insisteranno ancora nubi, ma più irregolari e sparse. I maggiori addensamenti sono previsti su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia settentrionale. Qualche pioggia isolata è attesa sul Salento. I venti soffieranno moderati o tesi da Nord. Le temperature risaliranno nei valori massimi al Centro-Nord, ma saranno ancore fredde le minime, con possibili gelate notturna ancora al Nord Italia.

Infine, per giovedì 25 marzo avremo condizioni meteo più stabili anche al Sud. I cieli saranno caratterizzati da annuvolamenti sparsi e qualche velatura in più rispetto al giorno prima ma non sono previsti fenomeni di rilievo. Il miglioramento sarà l’effetto della rimonta dell’anticiclone delle Azzorre. Finalmente le temperature torneranno su valori primaverili, con le massime che saliranno fio a 17° C.

Leggi anche –> L’estate durerà sei mesi, a causa dei cambiamenti climatici

Meteo (Foto di TorstenDorran da Pixabay)