Laurenzana, il borgo che regala le case (e non serve il deposito)

In Basilicata il borgo di Laurenzana vende case a 1 euro e non chiede nessun deposito

Laurenzana
Laurenzana, borgo della Basilicata con case a 1 euro (e senza deposito)

Comprare casa a 1 euro e andare a vivere in un borgo d’Italia. Non male, vero?Questo progetto, ‘case a 1 euro’, è attivo ormai da qualche anno, coinvolge piccoli e piccolissimi paesi di tutta la Penisola ed ha avuto un grande successo. L’obiettivo è quello di riqualificare e ripopolare borghi che rischiano altrimenti di scomparire.

Finora il programma della vendita delle case al prezzo simbolico di euro ha avuto non solo successo, ma anche un eco mondiale. In piccoli e sperduti paesini della Sicilia o della Sardegna sono arrivati infatti investitori dall’estero che hanno ristrutturato le case comprate con pochi euro. Ed è questo uno dei punti importanti.

Già perché le case acquistate a 1 euro prevedono poi la ristrutturazione con il versamento immediato di un deposito (di 2 o 5 mila euro) a garanzia della futura ristrutturazione. Insomma non bastano gli spiccioli per acquistare a casa.

Almeno fino ad adesso. Perché il borgo di Laurenzana in Basilicata, appena 1700 abitanti, vende le case a 1 euro e non chiede nessun deposito. Dunque in questo caso davvero bastano le monete che si hanno nel borsellino.

Case a 1 euro a Laurenzana: come acquistare

Laurenziana è un piccolo borgo della Basilicata, ben lontano dalle rotte turistiche, pressoché sconosciuto, ma è finito sulla CNN statunitense perché ha deciso di togliere l’obbligo del deposito. Ciò significa che per acquistare casa basta davvero 1 euro. Niente di più. Un solo euro e si diventa proprietari.

Il sindaco Michele Ungaro ha spiegato: “Vogliamo aiutare i nuovi arrivati ad acquistare la casa dei loro sogni senza renderlo difficile con procedure noiose e requisiti rigorosi”. Così via il deposito, via l’obbligo. Certo però la casa va poi ristrutturata. “Non chiediamo alcuna garanzia di deposito – ha continuato il primo cittadino – contiamo sulla buona fede e sull’impegno degli acquirenti, ma monitoreremo costantemente i lavori in corso e lo stato della ristrutturazione”. I lavori di ristrutturazione vanno fatti e ci sono degli obblighi temporali: devono iniziare entro 3 mesi dall’acquisto e terminare entro tre anni.

Tutte le pratiche burocratiche sono state però ridotte all’osso e i costi pressoché azzerati così da incentivare e velocizzare il tutto.

Le case in vendita a 1 euro sono immobili abbandonati del centro storico con tagli che vanno dai 40 ai 150 mq e versano in diverse condizioni, fra quelli che necessitano di rifacimento completo a quelli che hanno bisogno di piccole opere. Le case possono sia essere delle abitazioni, sia diventare attività turistiche, ovvero dei B&B, o possono essere delle botteghe artigianali o commerciali.

 

Previous articleProfessore morto a Biella, l’esito dell’autopsia
Next articleGianmarco Pozzi, chi era il 28enne morto a Ponza: la sua terribile storia
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.