Rosalinda Cannavò rivive l’incubo dell’anoressia: “Pesavo 32Kg”

Dopo la fine dell’esperienza al Grande Fratello Vip, Rosalinda Cannavò parla del suo passato e del disturbo alimentare del quale ha sofferto. 

L’ex gieffina si è confidata a cuore aperto mentre era ospite a “Live – Non è la d’Urso”. La Cannavò ha dimostrato grande forza nel parlare di quel passato tanto difficile.

Nel suo viaggio all’indietro non è però stata sola. Al suo fianco c’erano anche sua madre e sua sorella che non vedeva da ben sette mesi. La presenza delle due donne è stata una sorpresa davvero gradita per Rosalinda.

Rosalinda Cannavò racconta i problemi avuti con il cibo

La Cannavò ha parlato del disturbo alimenta del quale ha sofferto: l’anoressia. La donna aveva già parlato di questa malattia mentre si trovata all’interno della casa del grande fratello. Un percorso di cinque anni che l’aveva portata progressivamente a mangiare sempre meno.

Leggi anche -> Rosalinda Cannavò, il dramma interiore: “Volevo sparire e morire”

In base anche ai racconti avvenuti nella casa del GF, inizialmente, sarebbero stati i produttori a impedirle di mangiare. La “dieta” rigidissima fatta di tonno e insalata l’ha portata a sviluppare un vero e proprio disturbo alimentare.

Con grande forza di volontà era riuscita ad allontanarsi da quell’ambiente tossico per tornare a casa dei genitori in Sicilia. “Prendevo il cibo, lo nascondevo e lo buttavo. Sono arrivata a pesare 32 chili”, ha raccontato la Cannavò. Un percorso lungo e tortuoso che ha comportato anche il ricovero in una clinica.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nonostante le difficoltà il supporto di tutta la famiglia non è mai mancato, ma come ha ricordato più volte la showgirl ciò che le ha permesso di svoltare è stato raggiungere la consapevolezza di ciò che stava accadendo.

Leggi anche -> Rosalinda Cannavò, la verità su Dayane Mello: “L’ho sempre pensato”

“Quando sono stata seguita da degli specialisti, riuscivo sempre a trovare un modo per evitare di mangiare e me ne vergogno un po’ di questa cosa”. Parole che mostrano la difficoltà di questo percorso che però l’ha portata a riavere un rapporto normale con il cibo.