Bugo, chi è la moglie Elisabetta: età, lavoro, carriera, la loro storia

Conosciamo meglio Elisabetta, moglie di Bugo e donna a cui il cantante ha dedicato il brano romantico “I miei occhi vedono”.

Bugo canzone e invece sì

E’ passato un anno esatto da quel “dov’è Bugo?”, che ha reso il cantante e Morgan le due personalità più chiacchierate del 70° Festival di Sanremo. Bugo è tornato sul palco dell’Ariston, questa volta con il brano “E invece sì”, pronto a far parlare di sé ancora una volta (ma a questo giro solo per il suo talento musicale). A tifare per lui non ci saranno solo i fan, ma anche la moglie Elisabetta.

In giro per il mondo

“Non mi sono trasferito in India per ‘ritrovare me stesso’, per seguire la spiritualità indiana o cose del genere, ma solo per amore. Mia moglie ha avuto un’opportunità di lavoro lì e io l’ho seguita” così ha risposto Bugo ai giornalisti che si chiedevano perchè, nel 2011, l’uomo si fosse trasferito a New Delhi. Nessuna crisi mistica: è andato in India per un semplice matrimonio.

Leggi anche -> Morgan Bugo, un anno dopo ritornano le ruggini FOTO

Qualcuno si potrebbe chiedere perchè, dall’Italia, l’uomo abbia deciso di fare un viaggio così lungo per sposarsi in India. Questo lo spiega Elisabetta: la donna (di origini polacche) infatti è una diplomatica, lavoro che la costringe a spostarsi spesso in giro per il mondo. Da quando i due stanno insieme Bugo l’ha accompagnata volentieri nei suoi viaggi di lavoro.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Non è facile che Bugo parli della moglie: quando si tratta di musica, però, Elisabetta ha lasciato un’impronta profonda nei brani del marito. L’uomo le ha dedicato la canzone “I miei occhi vedono”, spiegando poi così la sua ispirazione: “ho usato un’immagine realizzata un anno fa. Nella foto ci siamo io e mia moglie. Lei ha gli occhi chiusi, forse dorme. I miei occhi invece sono aperti, ma quegli occhi non sono veramente i miei, sono quelli di mia moglie. Io vedo il mondo con i suoi occhi, è  assolutamente una dedica d’amore”.