Vaccini, novità per chi ha già avuto il Covid: la decisione dell’Aifa

L’Aifa sarebbe pronta a dare il via libera alla possibilità di somministrare un’unica dose di vaccino ai soggetti che hanno già contratto il Covid. 

variante Covid vaccino

Il parere dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) sarebbe già pronto: sì alla possibilità di somministrare un’unica dose di vaccino ai soggetti che hanno già contratto il virus SarsCov2. Sulla base di tale parere il ministero della Salute dovrebbe successivamente diramare un’apposita circolare.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

La svolta sul fronte del vaccini

La ristrettezza del numero di dosi attualmente disponibili di vaccino anti-Covid rispetto a quelle che effettivamente servirebbero pone una questione cruciale: è meglio completare il ciclo vaccinale con le due dosi per un determinato numero di persone o somministrare una dose al doppio della popolazione coinvolta nella campagna, ampliando così la copertura? Secondo gli esperti, un minimo di copertura anticorpale resta nel soggetto che ha superato l’infezione, per cui anche una sola dose di vaccino potrebbe dare risultati positivi.

Leggi anche –> Nuova variante Covid, scoperta un’altra che può indebolire i vaccini

“Il ministero della Salute ha già chiesto ad Aifa un parere sulla possibilità di somministrare una sola dose di vaccino a chi ha contratto il Covid. A seguito del parere che ci aspettiamo a breve verrà diramata una circolare”: così aveva detto, secondo fonti dirette, il ministro della Salute Roberto Speranza alle Regioni incontrate stamani.

Leggi anche –> Consiglio Europeo: piano vaccini, sicurezza e altri temi cruciali

Intanto, in attesa di una risposta da parte del ministero della Salute, continua il pressing per la definitiva approvazione della misura. “Vacciniamo all’inglese. Meglio vaccinare un po’ meno ma vaccinare un po’ più gente”, ha ribadito anche in giornata il governatore della Regione Veneto, Luca Zaia. C’è la possibilità di “dare priorità alle prime dosi” di vaccino “alla luce della recente letteratura scientifica” ha invece osservato il presidente del Consiglio Mario Draghi, a quanto si apprende, nel corso del vertice europeo.