Nuova variante Covid, scoperta un’altra che può indebolire i vaccini

C’è una nuova variante Covid che sta dilagando a New York e che, secondo gli esperti, sembra indebolire l’efficacia vaccinale.

nuova variante Covid vaccini
Dagli Stati Uniti nuova variante Covid anti vaccini FOTO Getty Images

Nuova variante Covid scoperta negli Stati Uniti. La brutta notizia arriva da New York, dove si sta diffondendo in maniera molto rapida. Lo fanno sapere gli studiosi del Columbia University Vegelos College of Physicians and Surgeons. La notizia viene riportata anche dall’autorevole quotidiano ‘New York Times’. I ricercatori hanno dato alla nuova variante Covid la denominazione di B.1.526.

Leggi anche –> Restrizioni zona arancione, la situazione fino a Pasqua: famiglie divise

I primi campioni risalgono allo scorso mese di novembre e fino a qualche giorno fa ha interessato il 12% delle persone contagiate dal virus a New York. Purtroppo è forte il timore che questa ulteriore mutazione del virus possa rendere più debole l’efficacia dei vaccini attualmente a disposizione. A questo aggiornamento per nulla positivo per quello che sarà lo scenario nell’immediato futuro si aggiunge l’ulteriore dilagare della pandemia, in tutto il mondo. Resta critica la situazione negli Stati Uniti ed in Brasile, che sono i due Paesi più colpiti. Negli Usa, a seguito di questa scoperta di un’altra variante, il presidente Joe Biden ha disposto per l’estensione dell’emergenza nazionale. Tale provvedimento è in vigore in maniera ininterrotta da marzo 2020. Chiarissima la motivazione, che parla di rischi importanti per la salute pubblica a causa della pandemia.

Leggi anche –> Cameriera licenziata dopo essersi rifiutata di fare il vaccino anti Covid

Nuova variante Covid, una flagella New York e l’altra la California

Al momento lo stato americano più colpito è la California, che prima di tutti gli altri ha superato la quota dei 50mila morti. Tra l’altro anche lì risulta esserci una variante individuata nelle scorse settimane. E che sarebbe responsabile del 50% dei casi di contagio. In Europa invece è la Svezia ora a vivere giorni tremendi, con i contagi che stanno proliferando e che appaiono fiori controllo.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Bollettino 24 febbraio: incidenza al 4,8%, salgono terapie intensive

Anche lì in Scandinavia verranno adottate con misura frequente le misure restrittive già intraprese dall’Italia un anno fa, tra orari dei negozi ridotti e disposizioni atte ad impedire il ravvicinamento fisico. È la variante britannica ad avere messo in ginocchio la popolazione svedese. Che da inizio pandemia conta 12.793 morti su un totale di 10 milioni di persone.