L’annuncio del Ministro Franceschini: “Riapriamo cinema e teatri”

Arriva l’annuncio del Ministro Franceschini. Cinema, teatri e altri luoghi della cultura dovrebbero riaprire, ma solo in sicurezza.

Il Ministro ha rilasciato alcune dichiarazione al Corriere della Sera in merito alla riapertura dei luoghi della cultura e alle misure fino ad ora adottate.

“Un lungo elenco di interventi che non bastano, lo so perfettamente: li sto riproponendo in modo consistente per il nuovo decreto Ristori” ha commentato il Ministro. Scopriamo come e quando potrebbero esserci le prime riaperture.

L’annuncio del Ministro Franceschini: ecco come e quando ci saranno le riaperture

Il Ministro ha richiesto un incontro urgente al Comitato tecnico-scientifico per discutere delle misure di sicurezza integrative messe a punto dalle organizzazioni di categoria. Biglietti nominativi, tracciabilità delle persone e mascherine Ffp2 potrebbero essere le soluzioni principali.

Leggi anche -> Cosa accadeva in tv il 21 febbraio 2020, l’inizio dell’incubo Covid

“Le città italiane senza teatri e cinema e le piazze senza musica sono più tristi: così l’Italia non è l’Italia. Come è stata fatta un’eccezione per le librerie, inserite tra i primi servizi a riaprire per una evidente regione culturale, spero si possa fare lo stesso ragionamento per i luoghi dello spettacolo” ha detto Franceschini.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nonostante queste premesse, al momento non c’è ancora una data certa. Negli altri paesi europei come Francia, Germania e Regno Unito teatri e cinema rimangono chiusi. Non resta che capire se l’Italia sarà la prima a riaprire.  “Siccome l’Italia è l’Italia vorrei che fossimo i primi a riaprire. L’operazione va fatta non con i proclami né con gli annunci ma per passi possibili”, ha precisato il Ministro.

Leggi anche -> Covid, aumenta l’incidenza dei casi: in arrivo nuove misure restrittive?

Mentre si pensa alle riaperture non bisogna dimenticare la necessità di sostenere gli operatori del settore. In base all’analisi della Siae, il calo degli ingressi è stato pari al 72,90%. La possibile riapertura è incentivata anche da ciò che era successo nei mesi estivi. Le misure di sicurezza più rigide avevano dimostrato tutta la loro efficacia: mascherina, distanziamento, igienizzazione e sanificazione sono le misure migliori per prevenire i contagi.