Tragedia sulla neve: bambino muore sotto l’igloo costruito col padre

Tragedia in Svizzera: bambino di 7 anni perde la vita schiacciato da un iglù che aveva costruito assieme al proprio padre 

Tragedia sulla neve

In questi giorni di freddo, neve e lockdown, coloro che ne hanno la possibilità decidono di passare il tempo sulla neve. Viste le forti nevicate dei giorni scorsi, questa scelta si applica anche a un padre di Chur, cittadina del cantone della Svizzera orientale Graubünden, e al proprio figlio di 7 anni, che avevano deciso di passare il tempo insieme costruendo un iglù (un rifugio costituito da blocchi di neve tipico della popolazione indigena canadese Inuit).

Leggi anche –> Meteo: gelo siberiano in arrivo, neve in pianura e sulle coste

La tragedia

L’allegra famiglia è stata, però, vittima di una tragedia perché il 16 febbraio l’iglù costruito non ha retto ed è collassato addosso al ragazzino, seppellendolo. Il padre è riuscito, 15 minuti dopo che la struttura era crollata, a tirare fuori il bambino dalla neve con l’aiuto di alcuni curiosi accorsi. Il genitore, anch’egli rimasto sepolto nel crollo, sebbene fosse sconvolto ha tentato disperatamente di rianimare il proprio figlio, che è stato poi trasportato in elicottero d’urgenza all’ospedale di Coira (Svizzera). Tuttavia, i medici non sono stati in grado di salvare il bambino, che è morto a causa dei traumi riportati. Non è ancora chiaro quale sia stata la sua causa effettiva della morte, si considera anche che possa essere stato il padre a causarne il decesso. Sembra che la procura stia indagando sull’incidente.

Altre disgrazie causate dalla neve

L’anno scorso, anche una studentessa di medicina era morta perché rimasta schiacciata sotto il peso della neve: un tetto le era crollato addosso durante una festa in Siberia a meno 20 gradi. Almeno altre quattro persone sono rimaste ferite e alcune sono quasi morte congelate durante un rave sotterraneo tenutosi all’interno di un bar in disuso nella città di Akademgorodok, in Russia. Sempre in Russia, Tuyana Prushenova, 22 anni, morì a causa delle ferite riportate dopo che un blocco di neve e legna congelato le cadde addosso, attraverso il soffitto di un deposito bagagli.

Leggi anche –> Neve in Grecia: Atene imbiancata, le foto più belle

Tragedia sulla neve