Draghi, vaccini in aeroporti e stadi: intervengono Protezione Civile ed Esercito

Vaccini anti Covid-19, Mario Draghi spiega tutte le ultime novità: le nuove dosi verranno somministrate anche in aeroporti e campi sportivi.

Il neopresidente del Consiglio Mario Draghi ha parlato delle novità che riguardano la distribuzione del vaccino per il Covid-19 in Aula del Senato. Il presidente ha parlato di “buone notizie” in arrivo da Bruxelles: pare che siano state acquistate altre 300 milioni di dosi del vaccino Moderna, ufficialmente autorizzato dall’Unione Europea. Purtroppo, però, tutte queste dosi non arriveranno subito: metà arriverà in estate, e l’altra metà addirittura nel 2022.

Vaccini anti Covid-19, Mario Draghi spiega le novità

Nel frattempo, ha spiegato il presidente, l’Italia proverà a produrre autonomamente i vaccini già autorizzati, come Pfizer e appunto il Moderna, in accordo con le aziende “madri”. L’obbiettivo sarà quello di accelerare le consegne già programmate, dal momento che diverse case farmaceutiche hanno potenziato la produzione dopo i problemi iniziali.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Coronavirus 17 febbraio: 12mila casi e 370 morti in 24 ore

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Per quanto riguarda la somministrazione pratica il Presidente ha confermato la scesa in campo della Protezione Civile, che si occuperà di coordinare il lavoro di militari e  volontari. Il vaccino sarà disponibile nelle strutture già esistenti, e non ne verranno dunque create di apposite come sembrava potesse succedere. Pare che si useranno anche edifici come i terminal degli aeroporti, le fiere, gli auditorium, le caserme e gli stadi, nonché i drive-in utilizzati per i tamponi.