Bambino di 5 anni torturato a morte dalla nonna e dagli zii

Una brutale omicidio da parte di tre membri della famiglia della vittima, un bambino di appena 5 anni. Arrestati, ora rischiando l’ergastolo.

Keaton Boggs aveva appena 5 anni quando è deceduto tra atroci sofferenze, torturato a morte da tre membri della sua stessa famiglia. Il bimbo è stato portato in ospedale con gravissimi danni cerebrali, che i medici avevano definitvo “catastrofici” e che nessun intervento chirurgico avrebbe potuto risolvere e per lui non c’è stato niente da fare. I racconti usciti dai documenti presentati in tribunale sono davvero agghiaccianti, soprattutto se si pensa che tali atrocità sono state compiute sul corpicino di un bambino così piccolo.

In tre lo hanno torturato fino ad ammazzarlo

I sospetti sono sorti dal momento che oltre alla devastante emorragia cerebrale, il piccolo Keaton aveva graffi, lividi e ferite su tutto il corpo. Un elemento che indica possibili abusi fisici da parte di qualcuno. Così la polizia del West Virginia, dove si sono consumati i fatti, ha iniziato ad indagare sulla situazione del bambino in casa.

Leggi anche–> Madre sadica tortura i figli adottivi: la storia dietro il suicidio di Victoria

Stabilito che le ferite con cui Keaton è arrivato in ospedale erano vecchie e nuove, sono partite le indagini, in particolare contro tre membri della famiglia del piccolo: Michelle Boggs, 49 anni , la nonna del bambino Chasity Wodzinski, 29 la zia e Peter Wodzinski, 32, suo marito. I tre, accusati di omicidio, hanno tentato di difendersi dicendo che le ferite sarebbero state autoinflitte da parte del piccolo o che si trattava comunque di un incidente.

Leggi anche–> Ragazzini torturati e violentati: si erano rifiutati di comprare droghe

I tre finora sono ancora in arresto, in attesa dei tre processi distinti a cui saranno sottoposti e che dediceranno se sono innocenti oppure colpevoli. In questo ultimo caso la pena più probabile sarà l’ergastolo.

torturato