Litigio con Conte, Tapiro ad Agnelli: “Erano gesti d’affetto…”

Tapiro d’oro ad Agnelli. Dopo aver fallito la consegna a Conte, Staffelli dà il “premio” al presidente della Juve

Agnelli – foto viagginews

Juventus-Inter non è stata soltanto una partita di calcio. Gli strascichi sugli spalti e a bordocampo hanno offerto uno spettacolo poco gradevole per quello che dovrebbero rappresentare i protagonisti dello sport. Lo scambio di insulti e gesti a distanza tra l’allenatore interista, nonchè grande ex della Juve, Antonio Conte e il presidente bianconero Andrea Agnelli è andato oltre il limite. Tuttavia, mentre l’allenatore interista si è scusato pubblicamente per il suo gesto, al presidente juventino la redazione di Striscia la Notizia ha dedicato il Tapiro d’oro. In realtà Staffelli aveva già tentato di rifilare il “premio” all’allenatore nerazzurro che non ha accettato.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tapiro d’oro ad Andrea Agnelli che ironizza…

L’inviato di Striscia non si è, tuttavia, fermato ed ha provato con l’altro protagonista del litigio che è stato al gioco: “Ogni tanto la passione nel nostro lavoro porta ad andare oltre le regole delle buona maniere”, ha affermato il presidente della Juventus. Poi, però, il dirigente bianconero ha voluto precisare che con l’allenatore dell’Inter non c’è stato nessun riferimento all’ipotizzato rapporto chiuso negativamente tra i due: “La collaborazione con Conte si è chiusa bene. Quelli erano gesti di affetto…“. Il presidente bianconero accetta il tapiro e la chiude con una battuta mentre Conte si è scusato con il pubblico ma ha ricordato di aver ricevuto delle provocazioni.

Leggi anche > Lite Conte-Agnelli

Due modi diversi di chiudere una vicenda non piacevole per gli spettatori. Resta da vedere se tra l’allenatore interista e la dirigenza bianconera è davvero finita così o ci saranno altri incroci “caldi” quando si troveranno di nuovo uno contro all’altro nelle rispettive funzioni.

Leggi anche > Tapiro, Conte non accetta e reagisce

Conte
Conte (Getty Images)