Piano vaccini, da fine aprile al via la vaccinazione per gli over 70 e i cittadini fragili

Il piano vaccini continua la sua opera anche se a rilento. La fase 2 dovrebbe iniziare da fine aprile. Ecco chi sarà coinvolto. 

Non è ancora finita la Fase 1, ma il Lazio guarda già al passo successivo. Le vaccinazioni per gli over 80 sono arrivate a 32mila ma ci sono ancora 238mila prenotazioni.

La seconda fase prevede il coinvolgimento degli over 70, dei soggetti fragili e con patologie importanti. Sarà possibile fissare gli appuntamenti da marzo, ma il via alle inoculazioni dipenderà dalla disponibilità dei vaccini.

Piano vaccini, inizia una nuova campagna: ancora tanti gli interrogativi

Con l’arrivo delle prime dosi di AstraZeneca, la Regione ha avviato una nuova campagna che vedrà coinvolti medici liberi professionisti e odontoiatri. Sfortunatamente questo vaccino divide una categoria: potranno usufruirne solo gli under 55.

Leggi anche -> Sintomi Covid, scoperti nuovi segnali mai osservati in chi è infetto

Si avvera così una delle preoccupazioni maggiori dell’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato. “Sul vaccino AstraZeneca c’è troppa confusione. Occorre una parola definitiva da parte dell’Aifa e del ministero della Salute, dopo le raccomandazioni degli esperti dell’Oms sul limite dei 65 anni e sull’efficacia. E’ necessario non spaccare le categoria lavorative, perché così si crea discrimine e si rallenta la vaccinazione”, ha tuonato D’Amato.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Per fine mese è previsto l’arrivo di 75mila dosi che non necessitano della catena del freddo. Per la somministrazione diAstraZeneca verrà messo a disposizione l’hub nel parcheggio di lunga sosta dell’aeroporto di Fiumicino. Nelle altre province verranno messi in funzione altri punti, ma le vaccinazioni potranno prendere il via solo se il vaccino sarà effettivamente disponibile.

Leggi anche -> Covid, ressa nei negozi ma molte attività restano chiuse: il virus “fa shopping”

Nel frattempo, i dati rimangono incoraggianti. “Non ci aspettiamo un cambio di colore per la settimana prossima” ha commentato D’Amato. La pressione sugli ospedali è nettamente diminuita, sfortunatamente i morti sono ancora tanti. Nella giornata di ieri i morti solo a Roma sono stati 33.