Sintomi Covid, scoperti nuovi segnali mai osservati in chi è infetto

Spuntano fuori dei sintomi Covid osservati solo in tempi recenti e che vanno ad affiancarsi a quelli considerati ‘classici’ del virus.

nuovi sintomi Covid
Osservati dei nuovi sintomi Covid FOTO Getty Images

Oltre ai sintomi Covid ben conosciuti ce ne sono di nuovi osservati di recente. E che studi approfonditi hanno confermato essere collegati in maniera diretta all’azione del virus che ha bloccato il mondo intero. La comunità scientifica parla di dolori muscolari e di mal di testa cronici, assieme anche a brividi improvvisi e ad una perdita dell’appetito che sorge apparentemente senza spiegazioni.

Leggi anche –> Covid, ressa nei negozi ma molte attività restano chiuse: il virus “fa shopping”

A renderlo noto è l’autorevole Imperial College di Londra, dopo avere sottoposto ad osservazioni cliniche più di un milione di individui affetti dal virus tra giugno 2020 e gennaio 2021. I sintomi Covid già noti consistevano in febbre e tosse persistenti e perdita sia dell’olfatto che del gusto, in particolar modo. Situazione che protrae per diverse settimane, in alcuni casi. E sembra anche che l’età possa essere un fattore in grado di fare la differenza nella comparsa di questi segnali, stando alle annotazioni riportate dal React (Real-time Assessment of Community Transmission) dell’Imperial College.

Leggi anche –> Covid, i Paesi con più vaccinati rimangono in lockdown, scopriamo perché

Sintomi Covid, l’età sarebbe un fattore di rilievo

Certi sintomi sembrano proprio legati a quella che è la carta d’identità. Altri segni invece sono parsi comuni agli individui di tutti i gruppi a prescindere da quanti anni avessero, come il manifestarsi dei brividi. Inoltre più erano i disturbi riportati e maggiori erano le possibilità di riscontrare una positività.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche -> Variante Covid, nuova mutazione più aggressiva da quella britannica

Ma il rapporto degli studiosi dell’Imperial College di Londra fa anche sapere che il 60% dei soggetti infetti non mostrava nessun sintomo nei sette giorni che precedevano il test positivo. Gli studi in tal senso vanno avanti.