Larry Flynt, chi era il re delle riviste porno morto a 78 anni

Il “re del porno” si è spento all’età di 78 anni. Ecco tutto quello che sappiamo su Larry Flynt, fondatore di Hustler e anti-Trump.

E’ morto nella sua casa di Los Angeles all’età di 78 anni il “re del porno”, Larry Flynt. Era il fondatore di una delle riviste a luci rosse più famosa e di successo al mondo, Hustler, fondata nel 1974 e che, insieme a Playboy e Penthouse, è fondamentale nell’industria del porno ma a differenza di queste è molto più esplicito e ha spesso accolto tra le sue pagine immagini di sesso hardcore. Ma ecco tutto quello che sappiamo sul fondatore, Larry Flynt.

Larry Flynt, chi era il fondatore di Hustler 

Larry è morto per proglemi cardiaci, ma era paralizzato dalla vita in giù per un tentato omicidio, scampato negli anni ’70, perpretrato da un fanatico razzista a cui non erano andate giù delle foto di una coppia mista pubblicate su Hustler. Una figura che si è sempre battuta per la libertà di espressione e di parola e per questo spesso ha avuto screzi e litigi con la destra conservatrice americana. Infatti, Larry, si professava anti-Trump, offrendo anche 10 milioni di dollari a chiunque avesse trovato il modo di avviare un impeachment e cacciare l’ex Presidente degli Stati Uniti dalla Casa Bianca.

Leggi anche–> Auguri Ilona Staller, l’ex diva del porno compie 69 anni

Nel 1974 Cincinnati è uscito il primo numero in assoluto di Hustler, fondata da Flynt lo stesso anno. Ben presto la rivista pornografica acquisterà sempre maggiore visibilità e l’esposizione sempre più grande di Flynt, lo porterà non solo alla ricchezza ma anche ad essere bersaglio di conservatori e bigotti e spesso sarà protagonista di vicende giudiziarie.

Leggi anche–> La vita da pornostar di Mikaela Spielberg, la figlia di Steven si confessa

Ammontano a milioni, infatti, i soldi di multeprocessi per oscenità che Hustler, e quindi Flynt, dovrà pagare nel corso degli anni. Nel 1988 Hustler è citato in giudizio dal reverendo protestante George Fawell in un processo che ha avuto una grande risonanza mediatica. La rivista è stata citata in giudizio per una parodia del reverendo in cui si raccontava la sua prima esperienza sessuale che sarebbe stato un incesto con sua madre.