Chiara Ferragni dovrà pagare: “abbiamo un’arma forte per difenderci”

Chiara Ferragni è finita nell’occhio del ciclone a causa di un suo prodotto. L’influencer dovrà pagare una multa. 

La Ferragni torna a far parlare di sé, ma questo volta per colpa di un incidente. L’imprenditrice è stata accusata di aver copiato gli iconici Moon Boot.

Il suo prodotto non è di certo passato inosservato al gruppo Tecnica che ha subito avviato una battagli legale.

Chiara Ferragni: ecco perché dovrà pagare una multa

Il prodotto messo sul mercato dal brand della Ferragni presenta molte somiglianze con quello proposto da Tecnica. Il diverbio legale tra le due parti non è però recente, la questione sarebbe scoppiata ben tre anni fa. A quel tempo, le società che gestiscono il brand della Ferragni si erano impegnate a non copiare il modello.

Leggi anche -> Morta la famosa TikToker 18enne, ennesimo caso di suicidio?

Nonostante il patto transattivo, i giudici hanno riscontrato comunque una violazione alla quale è seguita la sentenza dello scorso 25 gennaio. Il Tribunale di Milano ha disposto che la Ferragni dovrà ritirare dal mercato i modelli in questione in quanto ledono il diritto d’autore detenuto dall’azienda produttrice. L’imprenditrice dovrà anche risarcire il danno a favore del gruppo Tecnica. Per chi non lo sapesse, quest’ultima ha lanciato i Moon Boot ben 52 anni fa.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Alberto Zanatta, il presidente di Tecnica Group è molto soddisfatto della vittoria. “Ora abbiamo un’arma forte per difenderci contro i tanti falsi in circolazione. La prima sentenza era del 2016, ma questo passo è importante perché dopo due sentenze è improbabile che qualche giudice decida diversamente” ha commentato Zanatta.

Leggi anche -> Test visivo: ciò che vedi nell’immagine rivela tratti della tua personalità

Quella del Tecnica Group è una battaglia che va avanti da molti anni. Ci sono state molte azienda che hanno cercato di copiare il loro prodotto. “Non intendiamo smettere di perseguire i concorrenti sleali. Forti della posizione acquisita in Italia, stiamo lavorando per controbattere i falsi venduti anche in altri Paesi, a cominciare da Francia e Germania” ha spiegato Zanatta.