Test Covid-19 nei distributori automatici all’aeroporto di Oakland

L’aeroporto di Oakland si dota di testa anti-Covid rapidi nei distributori. 

Test Rapidi per il Covid nei resort ai Caraibi
Test Covid-19

Il mondo sta correndo in una sola direzione: fermare l’avanzata del Coronavirus. Siamo ormai in balia di questa terribile pandemia da un anno e fortunatamente la scienza sta facendo giganteschi passi avanti. Ora però è tempo anche che i test rapidi anti Covid-19 siano alla portata di tutti e così, nell’aeroporto di Oakland, è stato installato un distributore automatico di test rapidi.

L’esperimento nell’aeroporto di Oakland

La notizia è stata riporta da Fox Business e, rapidamente, sta facendo il giro del mondo. Il costo dei kit varia dai 130 ai 150 dollari e, da mercoledì 27 gennaio l’aeroporto di Oakland è stato il primo ad avere iniziato a vendere i test per il Coronavirus in questa modalità così smart. La speranza è che questa opzione messa a disposizione dei viaggiatori aiuti sia ad avere maggior controllo della pandemia, sia a dare maggior fiducia  nei viaggi. È innegabile che il settore turistico ha subito un tracollo pazzesco da quando siamo in balia del Coronavirus, ma ora è arrivato anche il tempo di ripartire.

Come si ottengono i risultati

Così via libera ai test RT-PCT salivari per controllare l’eventuale positività al Covid-19. Si possono portare a casa e poi restituire il campione tramite la FedEX, i risultati saranno comunicati entro poche ore tramite un’app mobile. Il tutto è stato sapientemente progettato dall’azienda Wellness 4 Humanity che ha realizzato i kit per il test rapido e, con la collaborazione di Swyft è stato inserito nei distributori!

Oltre a questa notizia, per incentivare i viaggi in sicurezza, American Airlines già a dicembre aveva comunicato che tutti i suoi passeggeri nazionali riceveranno a casa un test da effettuare prima della partenza mentre a Los Angeles si creerà un point dove i viaggiatori potranno controllare la loro negatività o positività al Covid-19 in pochi istanti direttamente in aeroporto.

È chiaro a tutti che i test rapidi non eliminano tutti i rischi. Comunicano se una persona è positiva in quel momento, non se lo diventerà. Eppure è comunque un ottimo passo avanti per cercare di tornare a viaggiare in modo pseudo normale il prima possibile.