Consultazioni nella fase calda, il punto fermo del Quirinale

Le consultazioni entrano nel vivo e su un punto il Capo dello Stato non concederà troppi margini ai partiti

Mattarella e Conte – (ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Le consultazioni sono entrate nel vivo. Stamattina è stato il turno del nuovo gruppo europeista del Senato a sostegno di Giuseppe Conte. Oggi pomeriggio, sarà la volta del gruppo parlamentare che ha messo in crisi il governo: Italia Viva. Momenti chiave per il futuro della legislatura e del paese alle prese con la grave pandemia e le conseguenze economiche che ne sono scaturite. Il Capo dello Stato ha il compito di ascoltare i gruppi parlamentari per capire se è possibile avere una maggioranza dall’attuale composizione del parlamento. Tuttavia, su un punto il Quirinale non darà margini ai partiti: la chiarezza. Il paese sta affrontando una pandemia e già la crisi è stato un atto grave nei confronti dei cittadini, specie quelli più in difficoltà. Non è un caso che dal Colle sia trapelata questa volontà. Sono i tempi, la situazione del paese che dettano celerità.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Consultazioni, Mattarella chiederà posizioni chiare

La situazione non può permettere troppi giochi politici, strategie, trattative. Le consultazioni servono per chiarire le posizioni. A questo punto se alcune posizioni non sono parse nette, davanti al Capo dello Stato dovranno palesarsi. Primi tra tutti i delegati di Italia Viva, che di certo hanno soltanto aperto la crisi di governo, senza però dare una posizione definitiva sul da farsi. Una soluzione più netta deve arrivare anche dalla coalizione di centrodestra. Soltanto Fratelli d’Italia ha conservato la posizione iniziale, quella delle urne.

Leggi anche > Sanremo, il cts comunicherà domani la decisione

Forza Italia è favorevole anche ad un governo di unità nazionale mentre la Lega, preferisce le urne ma non chiude la porta a soluzioni diverse purchè non ci sia Conte. Del resto, è una scelta del centrodestra salire al Colle in maniera unitaria ma, stando alle recenti dichiarazioni, l’unità non è stata proprio totale.

Leggi anche > Lombardia zona arancione, la polemica di Sala

Renzi – (ALESSANDRA TARANTINO/POOL/AFP via Getty Images)