De Magistris: “Mi candido a presidente della Regione Calabria”

Annuncio a sorpresa da parte del sindaco di Napoli, la candidatura De Magistris Calabria è realtà. Lo fa sapere lui stesso, si vota ad aprile.

De Magistris Calabria
Candidatura De Magistris Calabria elezioni Foto dal web

Esce allo scoperto Luigi De Magistris, annunciando la propria candidatura ufficiale alla presidenza della Regione Calabria. Si andrà alle urne l’11 aprile 2021 per scegliere il nome del nuovo governatore, dopo la prematura scomparsa di Jole Santelli. Quest’ultima era stata eletta il 15 febbraio 2020 mantenendo tale carica per soli otto mesi, fino alla sua scomparsa avvenuta lo scorso 15 ottobre.

Leggi anche –> Scontri a Napoli, De Magistris in tv: “Ma ora cosa devo fare?”

L’attuale sindaco di Napoli si trova proprio in Calabria e la sua visita vedrà come prossime tappe le località di Cosenza e Rende. Il tour elettorale di De Magistris per ottenere le preferenze dei cittadini calabresi partirà invece in via ufficiale tra qualche mese L’ufficialità è arrivata da parte del diretto interessato a mezzo web, con De Magistri che a precorso i tempi senza attendere le consultazioni con altre forze politiche in campo.

Leggi anche –> Pandemia Campania | De Magistris | ‘De Luca pessimo’

De Magistris Calabria, le elezioni proprio quando lui cesserà il mandato da sindaco di Napoli

Tra i sostenitori del primo cittadino di Napoli c’è Saverio Pazzano, consigliere comunale di Reggio Calabria, il quale parla di “scelta ideale per attuare un necessario cambiamento e rompere con il sistema. Un sistema che ha svilito la nostra Regione e che ora ha bisogno di essere spazzato via da valori politici ed ideali seri che partano dalle piccole realtà anzitutto”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Luigi De Magistris chi è: età, carriera e vita privata del sindaco di Napoli

Sostegno a De Magistris governatore della Calabria arriva dai movimenti Pino Aprile, La Strada e DemA. Un netto no arrivano invece dal Pd e da Leu. Il sindaco di Napoli concorrerà per il governatorato proprio in coincidenza della fine del suo mandato a presidio del capoluogo della Campania. Lì non potrà ricandidarsi per un ulteriore terzo mandato.