Coronavirus Campania | De Magistris | ‘Lockdown certo | De Luca pessimo’

Per Luigi De Magistris la situazione Coronavirus Campania vedrà la messa in atto di un nuovo lockdown. “Troppi errori, solo 15 posti in TI”,

Coronavirus Campania De Magistris
Andamento Coronavirus Campania De Magistris critica De Luca Foto dal web

Non una mezze parole Luigi De Magistris nel descrivere la difficile situazione Coronavirus Campania che vige attualmente. Il sindaco di Napoli accusa anche il governatore della Regione, Vincenzo De Luca, di avere commesso degli errori nella gestione delle opere di contenimento della pandemia in corso.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus come le altre pandemie della storia? Potrebbe non sparire mai

De Magistris ha parlato su Rai Radio 1 all’interno della trasmissione ‘Radio anch’io’. E parla di lockdown certo. “La situazione Coronavirus Campania porterà certamente ad un blocco totale. Nei reparti di terapia intensiva si contano appena 15 posti letti. E sono convinto che De Luca abbia sbagliato in maniera grave in più di una circostanza, come attestano i numeri. Non sto facendo lo scaricabarile ma mi baso sui dati certi”. Sempre De Magistris parla di persone contagiate che, al minimo segnale di febbre o di tosse forte, si recano in ospedale. Questo dimostra che il virus “è fuori controllo e so che il virus viene effettuato solo dopo molti giorni”. Per il primo cittadino di Napoli il problema in tutto questo non è rappresentato dalla movida e dai ragazzi. Ci sono molte persone che hanno rispettato le regole.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Covid, Miozzo del Cts avverte tutti: “Terapie intensive a rischio saturazione”

Coronavirus Campania, De Magistris critica De Luca anche per la chiusura delle scuole

Poi si scaglia contro il provvedimento di chiusura delle scuole fino al prossimo 31 ottobre voluto fortemente dallo stesso governatore della Campania. Una decisione legittimata anche dal Tar, che ha rigettato il ricorso di chi si era detto contrario. Molte famiglie però hanno manifestato contro questa scelta, parlando delle scuole come del posto più sicuro che ci sia per i loro figli in questo momento, in tutti i sensi. Privare i giovani ed i giovanissimi dell’istruzione espone li stessi a pericoli altrettanto seri, come i contatti con la malavita. L’intervento di De Magistris si conclude con un appello alla unità ed al rispetto delle regole ben note, come l’uso della mascherina, il rispetto delle distanze fisiche e la cura della propria igiene personale.

LEGGI ANCHE –> Vaccino anti-Covid 19, Burioni svela la data: ecco quando arriverà

 

Visualizza questo post su Instagram

 

È morto ieri, a causa del Covid, il dott. Ernesto Celentano, medico di medicina generale di Secondigliano. Aveva contratto il virus mentre visitava un suo assistito ammalato. Come lui tanti suoi colleghi e colleghe, nonché infermieri ed operatori sanitari, rischiano ogni giorno la vita. I cosiddetti medici di base sono la trincea di questa guerra sanitaria e continuano a combatterla con armi spuntate. A questi missionari va la solidarietà e il sostegno della città di Napoli che esprime il profondo cordoglio per la scomparsa di un medico che donava agli altri assistenza e umanità. . . #ernestocelentano #medico #secondigliano #ospedalecotugno #dottore #covid_19 #coronavirus #covid19 #covid19italia #covid19napoli #napoli #naples #italia #italy #luigidemagistris #sindacodinapoli #demagistris

Un post condiviso da Luigi de Magistris (@demagistris) in data: