Robinson Crusoe, la triste storia di William Takaku morto nel 2011

Tutti lo ricordiamo per la sua performance in “Robinson Crusoe”, ma William Takaku ha una storia davvero triste. Ecco chi era e come è morto.

Memorabile la sua performance nei panni di Venerdì in uno dei vari adattamenti cinematografici del romanzo di “Robinson Crusoe“. Nel 1997 infatti William Takaku è entrato nei cuori degli spettatori delle sale di tutto il mondo con la sua performance nel film di Rod Hardy and George T. Miller. Nel 2011 ci ha, purtroppo, lasciati. Ma ecco chi era William Takaku e come è morto.

William Takaku, chi era il Venerdì di Robinson Crusoe

William è nato nella regione autonoma di Bougainville, in Papua Nuova Guinea, un’isola nell’Oceano Pacifico ed era un attore che ha lavorato nel cinema, nel teatro e nella televisione, uno sceneggiatore e un regista teatrale. La sua carriera è iniziata circa nel 1992, fino alla sua morte nel 2011.

Leggi anche–> Ben Kingsley, che fine ha fatto l’attore premio Oscar: la sua storia

Tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 William ha viaggiato a lungo, partendo dalla sua terra d’origine, facendosi portavoce della cultura dell’isola di Bougainville, dove è nato e cresciuto. Si è particolarmente impegnato nelle cause rivoluzionarie dei suoi conterranei contro il governo della Papua Nuova Guinea. William è stato anche portavoce all’ International Gatherine for Mother Earth’s people in Canada, nel 1991.

Leggi anche–> Keanu Reeves, chi è l’attore canadese: età, foto, carriera

Per quanto riguarda la sua carriera artistica, William è stato direttore del Teatro Nazionale della Papua Nuova Guinea per un periodo di tempo, e direttore del Gruppo Teatro Provinciale di Milne Bay. Inoltre ha co-scritto, insieme ad Albert Toro, la miniserie per la televisione “Warriors in transit” nel 1992. Ma il ruolo per cui è amato dal grande pubblico è quello di Venerdì nel film “Robinson Crusoe“, in cui ha recitato insieme a Pierce Brosnan, nel 1997.

Nel 2011, William è morto tragicamente dopo aver subito un collasso mentre si trovava al Jackson’s International Airport.

 

Impostazioni privacy