I figli sono positivi, la mamma cerca di strangolarli: “Non indossavano la mascherina”

La mamma scopre che i figli sono risultati positivi al Covid-19 e perde la testa: li prende a calci e pugni, quindi cerca di strangolarli.

Una giovane madre americana ha perso la testa contro i figli ed è stata dalla polizia di Phoenix. Secondo quanto emerso dai media americani, la donna si è infuriata contro i figli (tutti e tre minorenni) quando questi si sono rifiutati di indossare la mascherina. I tre ragazzini erano risultati positivi al Covid-19 e la donna non è riuscita a trattenere la rabbia quando i figli si sono rifiutati di indossare il dispositivo di protezione personale.

Così, in preda alla rabbia, la donna ha preso a calcio uno dei figli, schiaffeggiato un secondo e cercato di strangolare il terzo. La scena è stata vista a distanza da una pattuglia della polizia, gli agenti hanno accostato l’auto ed hanno chiesto alla donna di spiegare cosa stesse succedendo. Lei si è rifiutata di rispondere e si è rifiutata anche di salire sulla volante. Ne è nata una colluttazione, conclusa solamente quando uno degli agenti l’ha immobilizzata con una pistola stordente.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mamma cerca di strangolare i figli positivi al Covid: arrestata

La donna è stata descritta dai media come un’alcolista, una donna collerica e capace di raptus di violenza. Pare che prima di questo episodio fosse già stata denunciata per episodi di violenza domestica. La madre, Sarah Michelle Boone, è stata arrestata con diversi capi d’accusa: abusi e aggressione di minori, comportamento disordinato e resistenza all’arresto. Dopo l’arresto Sarah è uscita di prigione pagando 4mila euro di cauzione. Le accuse a suo carico saranno giudicate da un tribunale durante il processo ai suoi danni.

Leggi anche -> Vite al limite, la storia di Rena e Lee: come sono diventati

Gestione cookie