Biancaneve, chi è l’attore Armie Hammer: età, carriera, vita privata

Un passato di lusso e agi, un presente da attore di Hollywood e un nome cambiato. Ecco tutto quello che sappiamo su Armie Hammer.

Questa sera Armie Hammer sarà il Principe Azzurro nella pellicola live action “Biancaneve (Mirror, mirror)“, liberamente tratto dalla fiaba Disney senza tempo, in onda su Rai 1 dalle 21,20 circa. Ma sono tanti i ruoli in cui abbiamo visto e amato Armie. Ecco tutto quello che sappiamo su di lui.

Armie Hammer, chi è e cosa ha fatto

Armie Hammer è nato il 28 agosto 1986 ed è alto quasi due metri! Viene da una famiglia molto ricca e da sempre ha vissuto negli agi e nella ricchezza. Essendo nato all’anagrafe come Armand Douglas Hammer e trovando il suo nome troppo altisonante per la carriera di attore che avrebbe voluto inseguire, lo ha poi fatto cambiare in Armie.

Leggi anche–> Biancaneve, chi è l’attrice Lily Collins: età, carriera, vita privata

Ha frequentato diverse scuola molto prestigiose in giro per gli Stati Uniti ma ha sempre avuto la passione della recitazione, fin da piccolo. La sua carriera di attore è iniziata col piccolo schermo e relativamente tardi rispetto a molti suoi colleghi: i suoi prim ruoli, infatti, sono stati in “Arrested Development – Ti presento i miei”, “Veronica Mars” e “Desperate Housewives”. Per poi approdare al cinema.

Leggi anche–> Dramma Leonardo Di Caprio, ha rischiato di morire: salvato per miracolo

Dopo un ultimo ruolo televisivo in “Gossip Girl“, Armie è approdato sul grande schermo e ha collaborato con tanti grandissimi registi internazionali. Dopo qualche piccola produzione low budget, infatti, sono arrivati per Armie i grossi contratti: David Fincher lo ha voluto per “The social network“, film vincitore di 3 premi Oscar, poi Clint Eastwood lo ha ingaggiato per  “J Edgar” con Leonardo Di Caprio in cui ha interpretato Clyde e si è gudagnato numerosi premi e l’approvazione della critica e del pubblico.

Non solo drammi, anche commedia: Armie ha recitato accanto a Johnny Depp in “The Lone Ranger“, che si è purtroppo rivelato un flop di critica e al botteghino. Ma questo non ha fermato Hammer che ha continuato a lavorare nel cinema e nel doppiaggio.