Prende il Covid e finisce in terapia intensiva: bambino di 10 anni in fin di vita

Il piccolo Jack a soli 10 anni ha contratto una forma violenta di Covid che lo ha costretto a venire ricoverato in terapia intensiva e lo ha ridotto in fin di vita.

Una polemica ricorrente in questo periodo difficile è quella che riguarda il Covid e il fatto che attaccherebbe solo i più anziani, secondo alcuni. Sono pronti a dimostrare il contrario Tommy Tracey, genitori del piccolo Jack che è finito in coma nel reparto di terapia intensiva a soli dieci anni, dopo aver contratto una forma violenta di coronavirus.

Jack ha preso il Covid ed è finito in coma

Jack Fair ha passato un’intera settimana a combattere tra la vita e la morte: il piccolo è finito in terapia intensiva dopo che i suoi organi vitali hanno subito un infiammazione e in seguito un collasso, nel mese di novembre. Jack aveva preso il covid ma era assolutamente asintomatico.

Leggi anche–> Uccide la moglie, una cognata e ferisce altre donne: “Le ho salvate dal Covid”

I genitori di Jack, Tommy e Tracey, 51 anni, hanno contratto il covid intorno a ottobre e temevano di poterlo attaccare ai loro due figli. Tuttavia, sia Jack che il fratellino non hanno avuto nessun tipo di sintomo. Il piccolo Jack non aveva nessuna malattia o condizione di salute particolare, quindi i genitori hanno iniziato ad insospettirsi quando il bambino ha cominciato ad esprimersi in modo strano.

Leggi anche–> Attimi di paura al supermercato: si teme il contagio da Covid dopo una lite

Il 9 novembre Jack è stato portato d’urgenza al St.John Hospital di Livingston perché i medici hanno iniziato a preoccuparsi per i sintomi che lamentava. Il bambino ha passato cinque giorni in coma farmacologico, prima di essere spostato in un altro reparto per altri sette giorni.

Per fortuna, Jack è sopravvissuto e potrà passare il Natale con la sua famiglia. “Sarà un Natale strano in ogni caso ma credo che saremo molto più grati di quello che abbiamo” ha detto la mamma di Jack, felice di poter riabbracciare suo figlio.

covid